Il mistero delle cose, dov’è?
Dov’è che non appare
per lo meno a mostraci che è mistero?
Che cosa ne sa il fiume e che cosa ne sa l’alberi
e io, che non sono più di loro, che cosa ne so?
Ogni volta che guardo le cose e penso a ciò che gli uomini pensano di esse,
rido come un ruscello che risuona fresco su di un sasso.
Perché l’unico senso occulto delle cose
è che esse non hanno nessun senso occulto,
è più strano di tutte le stranezze
e dei sogni di tutti i poeti
e dei pensieri di tutti i filosofi,
che le cose siano veramente ciò che sembrano essere
e non ci sia niente da capire.
Sì, ecco ciò che i miei sensi hanno imparato da soli:
le cose non hanno significato: hanno esistenza.
Le cose sono l’unico senso occulto delle cose.

Crediti
 Fernando Pessoa
 Pinterest •   • 




Quotes per Fernando Pessoa

La lunga strada formicolante di animali umani è una specie di insegna caduta nella quale le lettere sono mobili e non hanno un senso.
Tutto ciò è una stessa incoscienza diversificata in volti e in corpi distinti, come fantocci mossi da fili che li collegano alle dita della mano di un essere invisibile. Camminano con tutti gli atteggiamenti con i quali la coscienza si manifesta, e non hanno coscienza di nulla perché non hanno coscienza di avere coscienza.  Il libro dell'inquietudine

A volte anche nei ruscelli
si formano bolle a fior d'acqua
che nascono e si rompono.
E non hanno altro senso
che quello di essere bolle di acqua
che nascono e che si rompono.

L'unico atteggiamento degno di un uomo superiore è quello di persistere tenace in un'attività che si riconosce inutile, l'abitudine di una disciplina che si conosce sterile, e l'uso fisso di regole di pensiero filosofico e metafisico la cui importanza si sente nulla.

In fondo, mi creda, ciò che siamo di più doloroso è ciò che non siamo realmente, e le nostre tragedie più grandi accadono nell'idea che ci facciamo di noi stessi.

«Amico mio, già gliel'ho detto, gliel'ho già provato e adesso glielo ripeto... La differenza è solo questa: loro sono anarchici solo in teoria, io lo sono in teoria e in pratica; loro sono anarchici che si sottomettono, io sono un anarchico che combatte e libera... In una parola: loro sono pseudo-anarchici e io sono anarchico». E ci alzammo da tavola.