Mito della datura fra gli Zuñi
Nei tempi antichi, un ragazzo e una ragazza, fratello e sorella (il nome del ragazzo era A’neglakya e il nome della ragazza A’neglakyatsi’tsa), vivevano all’interno della terra, ma di frequente venivano nel mondo esterno e girovagavano, osservando molto attentamente ogni cosa che vedevano e udivano, e ripetendo tutto alla loro madre.
Questo costante parlare non piaceva ai Divini. Incontrando il ragazzo e la ragazza, i Divini chiesero: “Come state?“, e il fratello e la sorella risposero: “Siamo felici” (a volte A’neglakya e A’neglakyatsi’tsa apparivano sulla terra come persone vecchie). Essi dissero ai Divini come potevano fare un sonno e vedere spiriti, e come potevano camminare per un po’ e vedere uno che aveva commesso un furto.
Dopo questo incontro, i Divini conclusero che A’neglakya e A’neglakyatsi’tsa sapevano troppo, e che sarebbero stati esiliati per sempre da questo mondo; così, i Divini causarono la scomparsa del fratello e della sorella nella terra per sempre.
Nel luogo dove i due discesero, spuntarono dei fiori – fiori esattamente come quelli ch’essi portano su ogni lato delle loro teste quando sono in visita sulla terra. (Si riferisce alle rappresentazioni dei fiori di datura utilizzate cerimonialmente dagli Zuñi, dagli Hopi e da altre tribù limitrofe; sono ricavate dai frutti di certe piante e vengono appese ai lati della testa.) I Divini chiamarono la pianta a’neglakya, dal nome del ragazzo.
La pianta originale ha molti bambini sparsi sulla terra; alcuni fiori sono tinti di giallo, alcuni di blu, alcuni di rosso, alcuni sono tutti bianchi – i colori che provengono dai quattro punti cardinali.

 
Crediti
 • Matilda Coxe Stevenson
 • Ethnobotany of the Zuñi Indians
 • 30° Annual Report of the Bureau of American Ethnology
 • Pinterest •   • 

Similari

 ⋯ Il caso Nietzsche
747%  •  ArticoliFilosofiaGianni Vattimo
Nietzsche, accompagnato dalla sua cattiva reputazione di pensatore dei nazisti, fu poi riconsiderato, agli inizi degli anni ’60 del ventesimo secolo, da quel movimento che prese il nome: Nietzsche-Renaissance o il rinascimento nietzscheano, e soprattutto ⋯


Gustave Doré ⋯ Elia distrugge i messaggeri di AhaziaCirca la nostra condotta verso noi stessi
433%  •  Arthur SchopenhauerDoré GalleryFilosofia
4.° Il manovale che aiuta a fabbricare un edifizio, non ne conosce il progetto, o non l’ha sempre sotto gli occhi; tale è pure la posizione dell’uomo mentre è occupato a dividere uno per uno i giorni e le ore della sua esistenza in rapporto all’insieme de⋯


 ⋯ L’onore
423%  •  Arthur SchopenhauerFilosofia
La discussione sull’onore sarà molto più difficile e molto più lunga di quella sul grado. Prima di tutto dovremo definirlo. Se a tal uopo dicessi: «L’onore è la coscienza esterna, e la coscienza è l’onore interno», la definizione potrebbe forse piacere a ⋯


Egon Schiele ⋯ Circa la nostra condotta verso gli altri
390%  •  Arthur SchopenhauerFilosofiaSchiele Art
21.° Per mettersi fra la gente è utile portar seco una buona provvista di circospezione e d’indulgenza; la prima ci garantirà dai danni e dalle perdite, l’altra dalle contese e dagli alterchi. Chi è chiamato a vivere fra gli uomini non deve respingere in ⋯


 ⋯ Impero, vent’anni
389%  •  Autori VariPolitica
Vent’anni fa, quando è stato pubblicato il nostro libro Impero, i processi economici e culturali della globalizzazione erano al centro della scena: tutti potevano vedere che stava emergendo qualcosa come un nuovo ordine mondiale. Oggi la globalizzazione è⋯


Renato Guttuso ⋯ LL’anno della rivoluzione
371%  •  Maurice Rapport
Sotto un livido cielo di gennaio, un convoglio di slitte trainate da cavalli avanzava lasciando le sue scie in una pianura imbiancata di neve. La processione si fermò a una sbarra, e i passaporti dei passeggeri vennero esaminati da un sergente; un vecchio⋯