⋯  ⋯
Nei tempi antichi, un ragazzo e una ragazza, fratello e sorella (il nome del ragazzo era A’neglakya e il nome della ragazza A’neglakyatsi’tsa), vivevano all’interno della terra, ma di frequente venivano nel mondo esterno e girovagavano, osservando molto attentamente ogni cosa che vedevano e udivano, e ripetendo tutto alla loro madre.
Questo costante parlare non piaceva ai Divini. Incontrando il ragazzo e la ragazza, i Divini chiesero: “Come state?“, e il fratello e la sorella risposero: “Siamo felici” (a volte A’neglakya e A’neglakyatsi’tsa apparivano sulla terra come persone vecchie). Essi dissero ai Divini come potevano fare un sonno e vedere spiriti, e come potevano camminare per un po’ e vedere uno che aveva commesso un furto.
Dopo questo incontro, i Divini conclusero che A’neglakya e A’neglakyatsi’tsa sapevano troppo, e che sarebbero stati esiliati per sempre da questo mondo; così, i Divini causarono la scomparsa del fratello e della sorella nella terra per sempre.
Nel luogo dove i due discesero, spuntarono dei fiori – fiori esattamente come quelli ch’essi portano su ogni lato delle loro teste quando sono in visita sulla terra. (Si riferisce alle rappresentazioni dei fiori di datura utilizzate cerimonialmente dagli Zuñi, dagli Hopi e da altre tribù limitrofe; sono ricavate dai frutti di certe piante e vengono appese ai lati della testa.) I Divini chiamarono la pianta a’neglakya, dal nome del ragazzo.
La pianta originale ha molti bambini sparsi sulla terra; alcuni fiori sono tinti di giallo, alcuni di blu, alcuni di rosso, alcuni sono tutti bianchi – i colori che provengono dai quattro punti cardinali.

Crediti
 • Matilda Coxe Stevenson •
 • Ethnobotany of the Zuñi Indians •
  • 30° Annual Report of the Bureau of American Ethnology •
 • Pinterest •   •  •

Similari
⋯  ⋯Mito Maué sul guaraná
139% Autori VariMitologia
Molti anni fa, nella profonda giungla brasiliana vivevano due indios, un uomo e sua moglie. Erano la coppia più felice della tribù. Erano amati dalla loro tribù e lavoravano duro per il benessere di tutti. Ma avevano una grande infelicità: non avevano fig⋯
Mayahuel, dea del Pulque e del magueyLa leggenda di Xóchitl
19% Manuel Rivera CambasMitologia
Un nobile chiamato Papantzin, dedito alla coltivazione del maguey, riuscì ad ottenere miele con il succo di questa pianta. Volle ossequiare con questa scoperta il re Tecpancaltzin ed essendosi recato a Tula accompagnato dalla sua sposa e da sua figlia uni⋯
 Il diluvio di Deucalione Il diluvio di Deucalione
16% MitologiaRobert Graves
Il diluvio, un topos letterario assai frequente in tutte le culture, è sempre visto come atto purificatore compiuto dagli dei nei confronti di un genere umano carico di empietà. Anche in questo caso, Zeus, dio supremo dell’Olimpo, provoca l’inondazione pe⋯
 ⋯ Inferno
12% Alberto MaggiMitologia
La parola inferno fa andare in crisi coloro che studiano teologia o la Sacra Scrittura e che sono abituati a parlare di inferno, perché non la trovano nel dizionario biblico. Nella Bibbia non c’è né la parola e neanche l’immagine dell’inferno. Nella vecch⋯
 ⋯ Il mito degli Androgini
11% AristofaneMitologia
È il mito delle due metà raccontato da Aristofane, che era uno dei commensali nella cenetta (simposio) che Platone organizzava tra i suoi amici. Si lavavano le mani, si mangiava, si beveva del nettare (sciroppo di vino – una volta era molto denso e dolce)⋯
 ⋯ Tutti gli dèi sono crudeli
11% Cesare PaveseMitologia
– Leucotea: Dunque hai capito. È un nuovo dio. È il più giovane di tutti gli dèi. Ti ha veduta e gli piaci. Lo chiamano Dioniso. – Ariadne: Non lo conosco. – Leucotea: È nato a Tebe e corre il mondo. È un dio di gioia. Tutti lo seguono e lo acclamano. – A⋯