Mito sul tabacco dei Cherokee

Agli inizi del mondo, quando uomini e animali erano simili, c’era una sola pianta di tabacco, presso la quale tutti si recavano per [prendere] il loro tabacco, fin quando le oche Dagûl’kû la rubarono e la portarono lontano verso sud. La gente soffriva senza di essa, e c’era una vecchia donna che divenne così magra e debole, che tutti pensarono che sarebbe presto morta se non fosse stato possibile darle del tabacco per mantenerla in vita.
Diversi animali si offrirono per andare a cercarlo, uno dopo l’altro, prima i più grandi e poi i più piccoli, ma i Dagûl’kû li vedevano e li uccidevano tutti quanti, prima che potessero raccogliere la pianta. Dopo gli altri, la piccola Talpa tentò di raggiungerla viaggiando sotto terra, ma i Dagûl’kû scorsero la sua traccia e la uccisero appena sbucò fuori.
Alla fine si offrì il Colibrì, ma gli altri gli dissero che era troppo piccolo e che avrebbe ben potuto starsene a casa. Egli li supplicò di lasciarlo tentare, e così gli indicarono una pianta in un campo, e gli dissero di mostrar loro il modo in cui si sarebbe avvicinato [alla pianta].
Il momento dopo egli era andato, ed essi lo videro seduto sulla pianta, e poi il momento dopo era nuovamente tornato indietro, ma nessuno lo aveva visto andare o venire, poiché era molto veloce. “Questo è il modo in cui agirò”, disse il Colibrì, e così lo lasciarono tentare.
Volò verso est, e quando giunse in vista del tabacco, i Dagûl’kû erano tutti alla sua ricerca, ma non erano in grado di vederlo poiché era così piccolo e volava rapidamente. Egli si lanciò sulla pianta – tsa! – e strappò via la cima con le foglie e i semi, ed era già lontano quando i Dagûl’kû compresero cosa fosse accaduto.
Prima di giungere a casa con il tabacco, la vecchia donna aveva perduto i sensi, e la si credette morta, ma egli [il Colibrì] soffiò il fumo [di tabacco] nelle sue narici, e con un grido di “Tsâ’lû!” [“Tabacco!”] ella aprì gli occhi e fu di nuovi in vita.

Crediti
 • James Mooney •
 • Myths of the Cherokee •
  • 19° Annual Report of the Bureau of American Ethnology •
 • Pinterest •   •  •

Similari
⋯  ⋯Mito Maué sul guaraná
70% Autori VariMitologia
Molti anni fa, nella profonda giungla brasiliana vivevano due indios, un uomo e sua moglie. Erano la coppia più felice della tribù. Erano amati dalla loro tribù e lavoravano duro per il benessere di tutti. Ma avevano una grande infelicità: non avevano fig⋯
⋯  ⋯Il mito di Natem
44% MitologiaPlutarco Naranjo
Molto, molto tempo fa esisteva un uomo saggio. Aveva molta esperienza e sapeva tutto. Poteva vedere il passato e vaticinava quanto sarebbe avvenuto. Egli consigliava ciò che doveva fare la tribù, quando e come dovevano cacciare e quali erano gli animali b⋯
Mito della datura fra gli ZuñiMito della datura fra gli Zuñi
42% Matilda Coxe StevensonMitologia
Nei tempi antichi, un ragazzo e una ragazza, fratello e sorella (il nome del ragazzo era A’neglakya e il nome della ragazza A’neglakyatsi’tsa), vivevano all’interno della terra, ma di frequente venivano nel mondo esterno e girovagavano, osservando molto a⋯
 ⋯ Inferno
24% Alberto MaggiMitologia
La parola inferno fa andare in crisi coloro che studiano teologia o la Sacra Scrittura e che sono abituati a parlare di inferno, perché non la trovano nel dizionario biblico. Nella Bibbia non c’è né la parola e neanche l’immagine dell’inferno. Nella vecch⋯
Auguste Rodin  ⋯ Fugit AmorVastità oscura colma di voluttà
23% MitologiaRainer Maria Rilke
Rodin sapeva che tutto doveva partire da una conoscenza infallibile del corpo umano. Infine fu su questa superfice che concentrò la sua ricerca. Essa consisteva di infiniti contatti tra luce e materia, e ognuno di questi contatti si rivelò diverso da ogni⋯
Mayahuel, dea del Pulque e del magueyLa leggenda di Xóchitl
23% Manuel Rivera CambasMitologia
Un nobile chiamato Papantzin, dedito alla coltivazione del maguey, riuscì ad ottenere miele con il succo di questa pianta. Volle ossequiare con questa scoperta il re Tecpancaltzin ed essendosi recato a Tula accompagnato dalla sua sposa e da sua figlia uni⋯