Mito sul tabacco dei Cherokee

Agli inizi del mondo, quando uomini e animali erano simili, c’era una sola pianta di tabacco, presso la quale tutti si recavano per [prendere] il loro tabacco, fin quando le oche Dagûl’kû la rubarono e la portarono lontano verso sud. La gente soffriva senza di essa, e c’era una vecchia donna che divenne così magra e debole, che tutti pensarono che sarebbe presto morta se non fosse stato possibile darle del tabacco per mantenerla in vita.
Diversi animali si offrirono per andare a cercarlo, uno dopo l’altro, prima i più grandi e poi i più piccoli, ma i Dagûl’kû li vedevano e li uccidevano tutti quanti, prima che potessero raccogliere la pianta. Dopo gli altri, la piccola Talpa tentò di raggiungerla viaggiando sotto terra, ma i Dagûl’kû scorsero la sua traccia e la uccisero appena sbucò fuori.
Alla fine si offrì il Colibrì, ma gli altri gli dissero che era troppo piccolo e che avrebbe ben potuto starsene a casa. Egli li supplicò di lasciarlo tentare, e così gli indicarono una pianta in un campo, e gli dissero di mostrar loro il modo in cui si sarebbe avvicinato [alla pianta].
Il momento dopo egli era andato, ed essi lo videro seduto sulla pianta, e poi il momento dopo era nuovamente tornato indietro, ma nessuno lo aveva visto andare o venire, poiché era molto veloce. “Questo è il modo in cui agirò”, disse il Colibrì, e così lo lasciarono tentare.
Volò verso est, e quando giunse in vista del tabacco, i Dagûl’kû erano tutti alla sua ricerca, ma non erano in grado di vederlo poiché era così piccolo e volava rapidamente. Egli si lanciò sulla pianta – tsa! – e strappò via la cima con le foglie e i semi, ed era già lontano quando i Dagûl’kû compresero cosa fosse accaduto.
Prima di giungere a casa con il tabacco, la vecchia donna aveva perduto i sensi, e la si credette morta, ma egli [il Colibrì] soffiò il fumo [di tabacco] nelle sue narici, e con un grido di “Tsâ’lû!” [“Tabacco!”] ella aprì gli occhi e fu di nuovi in vita.

 
Crediti
 • James Mooney
 • Myths of the Cherokee
 • 19° Annual Report of the Bureau of American Ethnology
 • Pinterest •   • 

Similari

 ⋯ La scrittura delle donne
805%  •  ArticoliCixous HélèneSocietà
Héléne Cixous rilegge il saggio di Freud sulla Testa di Medusa per rivendicare il potere dell’écriture feminine, della scrittura femminile. Da terrificante e mostruosa, Medusa si trasforma in una figura sorridente e sovversiva in grado di destabilizzare l⋯


 ⋯ Sapere di non essere
702%  •  IneditiSergio Parilli
Ho rivisto finalmente a Julián. Veniva da altri mondi non sconosciuti per lui, visto che è riuscito a tornare senza bussola. Non era tenuto a tornare, anche perché se stava bene dove era arrivato poteva restarci in eterno, visto che era previsto un viaggi⋯


 ⋯ Il mercantile
591%  •  IneditiSergio Parilli
Magari è troppo presto, ma i sognatori, hanno sempre lo sguardo perso, sicuramente piacevole nei loro pensieri e sorridono… ma, anche se sono solo due righe con due soli sostantivi, l’emozione è sempre la stessa per il poeta. Siamo nel periodo di un’attra⋯


 ⋯ Il caso Nietzsche
573%  •  ArticoliFilosofiaGianni Vattimo
Nietzsche, accompagnato dalla sua cattiva reputazione di pensatore dei nazisti, fu poi riconsiderato, agli inizi degli anni ’60 del ventesimo secolo, da quel movimento che prese il nome: Nietzsche-Renaissance o il rinascimento nietzscheano, e soprattutto ⋯


 ⋯ L’onore
522%  •  Arthur SchopenhauerFilosofia
La discussione sull’onore sarà molto più difficile e molto più lunga di quella sul grado. Prima di tutto dovremo definirlo. Se a tal uopo dicessi: «L’onore è la coscienza esterna, e la coscienza è l’onore interno», la definizione potrebbe forse piacere a ⋯


Renato Guttuso ⋯ LL’anno della rivoluzione
502%  •  Maurice Rapport
Sotto un livido cielo di gennaio, un convoglio di slitte trainate da cavalli avanzava lasciando le sue scie in una pianura imbiancata di neve. La processione si fermò a una sbarra, e i passaporti dei passeggeri vennero esaminati da un sergente; un vecchio⋯