⋯
Bisogna fare chiarezza su una questione. Se vedete qualcuno comportarsi da persona di merda, è una persona di merda. E non è mai un giudizio prematuro o approssimativo.
Diffidate da chi vi dirà che siete precipitosi e smaliziati, che non conoscete ogni singolo fatto della sua esistenza, che non c’eravate quella volta che alle elementari gli rubarono il panino. Nessuno sta dicendo che questa persona non abbia delle sue ragioni, per essere una persona di merda, ma lo è. Per non esserlo basta non comportarcisi, è tutto molto semplice. È questo che rende le persone di merda delle persone di merda: comportarsi da persone di merda. Ed è facile immaginare quale possa essere il modo per farle smettere: dirglielo. Molti vi diranno “forse l’hanno trattato di merda e ora fa così”. Certo, tralasciando il fatto che la maggior parte delle persone che si comportano di merda in realtà casualmente sono solo persone viziate in cui in vita loro gli è stata detta la parola “no” meno di quanto gli sia stato detto “mitridatismo”. Oppure vi diranno “beh, magari aveva le sue ragioni per comportarsi da persona di merda”. Benissimo, allora è una persona di merda con delle ragioni per esserlo. Ma penso sia doveroso ricordare che ci sono un sacco di persone – un sacco nel mondo, non un sacco di vostra conoscenza – che hanno ragioni per comportarsi da persone di merda, e semplicemente non lo fanno! E sapete perché? Perché non sono persone di merda.

Crediti
 • Anonimo •
 • Pinterest •   •  •

Similari
 ⋯ Basi neurologiche della coscienza
184% ArticoliEduard PunsetJohn BarghNeuroscienze
Spesso non siamo consapevoli di quelle che sono le ragioni e le cause del nostro comportamento; più indaghiamo nei meandri della mente, più ci si accorge di quanto sia importante e potente il nostro inconscio. L’inconscio, come parte più intima di noi ste⋯
 ⋯ Le origini romantiche della psicoanalisi e l’obiezione di Nietzsche
114% ArticoliPsicologiaUmberto Galimberti
A differenza di tutti i popoli della terra, l’uomo occidentale un giorno ha detto Io. L’ha annunciato Platone e l’ha esplicitato Cartesio. La psicologia ha catturato questa parola e ne ha fatto il centro della soggettività, dispiegando una visione del mon⋯
Tra neuroscienze, psicologia e letteratura, la nascita di unIl cervello raccontato
62% ArticoliNeuroscienzePaolo Pecere
Il rapporto tra l’attività cerebrale e l’identità di una persona è un tema attualissimo, che fin dalle sue prime formulazioni moderne ha messo in questione il ruolo della narrazione: come può collegarsi l’operare dei miliardi di neuroni che compongono il ⋯
 ⋯ Psicoletteratura
53% ArticoliMaria Cecilia BertolaniPsicologia
Curioso come si ricordino meglio le parole dette che i sentimenti che non arrivarono a scuotere l’aria. • Italo Svevo • • La coscienza di Zeno • Il saggio dei due Ogden, un autore psicoanalista e l’altro critico letterario, ripropone e indaga con attenzio⋯
 ⋯ L’invenzione dell’inconscio
42% ArticoliJacques LacanPsicologia
Il movimento fondamentale dell’insegnamento di Lacan è un ritorno a quella che egli considera l’invenzione principale di Freud: l’inconscio. Lacan sottolinea l’inconscio come invenzione di Freud, nel senso che questi, non è il Cristoforo Colombo della psi⋯
 ⋯ La psicologia e lo sviluppo infantile
41% ArticoliMassimo RecalcatiPsicologia
Nella prima metà del Novecento, periodo delle grandi scuole psicologiche, Piaget contribuì alla storia delle idee, in campo psicologico, definendo anche la natura e le caratteristiche della persona umana. L’interesse per lo sviluppo, non solo intellettuale⋯