⋯
Bisogna fare chiarezza su una questione. Se vedete qualcuno comportarsi da persona di merda, è una persona di merda. E non è mai un giudizio prematuro o approssimativo.
Diffidate da chi vi dirà che siete precipitosi e smaliziati, che non conoscete ogni singolo fatto della sua esistenza, che non c’eravate quella volta che alle elementari gli rubarono il panino. Nessuno sta dicendo che questa persona non abbia delle sue ragioni, per essere una persona di merda, ma lo è. Per non esserlo basta non comportarcisi, è tutto molto semplice. È questo che rende le persone di merda delle persone di merda: comportarsi da persone di merda. Ed è facile immaginare quale possa essere il modo per farle smettere: dirglielo. Molti vi diranno “forse l’hanno trattato di merda e ora fa così”. Certo, tralasciando il fatto che la maggior parte delle persone che si comportano di merda in realtà casualmente sono solo persone viziate in cui in vita loro gli è stata detta la parola “no” meno di quanto gli sia stato detto “mitridatismo”. Oppure vi diranno ”beh, magari aveva le sue ragioni per comportarsi da persona di merda”. Benissimo, allora è una persona di merda con delle ragioni per esserlo. Ma penso sia doveroso ricordare che ci sono un sacco di persone – un sacco nel mondo, non un sacco di vostra conoscenza – che hanno ragioni per comportarsi da persone di merda, e semplicemente non lo fanno! E sapete perché? Perché non sono persone di merda.

Crediti
 • Anonimo •
 • Pinterest •   •  •

Similari
Il caso Nietzsche
676% ArticoliFilosofiaGianni Vattimo
Nietzsche, accompagnato dalla sua cattiva reputazione di pensatore dei nazisti, fu poi riconsiderato, agli inizi degli anni ’60 del ventesimo secolo, da quel movimento che prese il nome: Nietzsche-Renaissance o il rinascimento nietzscheano, e soprattutto ⋯
Sapere di non essere
398% IneditiSergio Parilli
Ho rivisto finalmente a Julián. Veniva da altri mondi non sconosciuti per lui, visto che è riuscito a tornare senza bussola. Non era tenuto a tornare, anche perché se stava bene dove era arrivato poteva restarci in eterno, visto che era previsto un viaggi⋯
Dall’autorganizzazione alla comunizzazione
292% ArticoliPolitica
Designare la rivoluzione come comunizzazione è dire questa cosa abbastanza banale, che l’abolizione del capitale è l’abolizione di tutte le classi, compreso il proletariato, e non la sua liberazione, il suo ergersi a classe dominante che organizza la soci⋯
Un nuovo chiarimento della questione “Nietzsche e Stirner”
252% ArticoliBernd A. LaskaFilosofia
Da giovane ho incontrato una pericolosa divinità e non vorrei raccontare a nessuno ciò che allora ho provato — tanto di buono quanto di cattivo. Così ho imparato a tacere, come pure che bisogna imparare a parlare, per ben tacere, che un uomo che vuole te⋯
Il mercantile
211% IneditiSergio Parilli
Magari è troppo presto, ma i sognatori, hanno sempre lo sguardo perso, sicuramente piacevole nei loro pensieri e sorridono… ma, anche se sono solo due righe con due soli sostantivi, l’emozione è sempre la stessa per il poeta. Siamo nel periodo di un’attra⋯