Monaco I (Frammento)Il dipinto intitolato Mönch (Fragment) è stato realizzato da Egon Schiele nel 1913, con l’utilizzo di olio su tela. Il dipinto misura 140,2 x 109,2 cm ed è stato posseduto da diverse persone nel corso degli anni, tra cui Felix Albrecht Harta di Vienna, Broncia Koller-Pinell di Vienna e Hugo, Rupert e Silvia Koller, figli della prima. Successivamente il dipinto è stato posseduto da Bruno Grimschitz di Vienna, Viktor Fogarassy di Graz e infine è stato acquisito da una collezione privata negli Stati Uniti d’America.

Il dipinto è stato esposto presso la Neue Galerie di New York nel 2005-2006 in una mostra intitolata Egon Schiele: The Ronald S. Lauder and Serge Sabarsky Collections e il dipinto è stato catalogato come numero P18B e illustrato.

Secondo la letteratura su Schiele, questo dipinto potrebbe essere un frammento del dipinto abbandonato Conversion o del dipinto proposto come pendant Encounter.

Il dipinto raffigura un monaco, rappresentato come un uomo anziano, con un’espressione sgradevole sul viso. Il monaco è vestito con una tonaca nera e tiene tra le mani un oggetto non identificabile. L’uso del colore in questo dipinto è molto scuro, con tonalità di nero e grigio che creano un’atmosfera tetra e angosciante.

In sintesi, Mönch (Fragment) è un dipinto di Egon Schiele che raffigura un monaco anziano con un’espressione sgradevole sul viso. Il dipinto è stato posseduto da diverse persone nel corso degli anni ed è stato esposto presso la Neue Galerie di New York nel 2005-2006. La natura frammentaria del dipinto e la sua relazione con altri dipinti di Schiele hanno suscitato l’interesse degli studiosi dell’arte.

Genere letterario: Storia dell’arte

Crediti
 Joe Conta
 Disegni di Schiele
 SchieleArt •  Monk I (Fragment) • 




Quotes casuali

Se volete sapere davvero cosa voglia dire recitare non guardate film, ma andate piuttosto a qualche party a Hollywood.Bette Davis
I veri sentimenti penetrano attraverso gli ostacoli e non esistono metalli né pietre né acqua o fuoco che possano fermare la forza del cuore. Nulla può superare quello che è unito dall'emozione, dal dovere e dalla ragione.Autori Vari
E che? L'umanità istupidisce per favorire il progresso meccanico e noi non dovremmo almeno trarne vantaggio? Dovremmo dialogare con la stupidità, quando è possibile sfuggirle con un'automobile?Karl Kraus