⋯
Ho un po’ di anarchia tra le dita,
La lascio scivolare lenta
A perdersi nel mondo,
Sperando possa renderlo
Meno vuoto.
Sperando possa renderlo
Meno misero.

Ho un po’ di anarchia tra le dita,
La lascio scivolare lenta
A perdersi tra le mie labbra,
Sperando possa rendermi
La capacità di sognare.
Sperando possa rendermi
La voglia di ridere.

Ma intanto la tengo stretta,
Al riparo tra le mie mani,
E’ l’unica cosa che mi rimane
Per non smettere di essere.

Crediti
 • Naima Luta Inadan •
 • Ho un po' di anarchia tra le dita •
 • egon pin •  •  •  •
Similari
Il caso Nietzsche
295% ArticoliFilosofiaGianni Vattimo
Nietzsche, accompagnato dalla sua cattiva reputazione di pensatore dei nazisti, fu poi riconsiderato, agli inizi degli anni ’60 del ventesimo secolo, da quel movimento che prese il nome: Nietzsche-Renaissance o il rinascimento nietzscheano, e soprattutto ⋯
Il mercantile
212% IneditiSergio Parilli
Magari è troppo presto, ma i sognatori, hanno sempre lo sguardo perso, sicuramente piacevole nei loro pensieri e sorridono… ma, anche se sono solo due righe con due soli sostantivi, l’emozione è sempre la stessa per il poeta. Siamo nel periodo di un’attra⋯
Sapere di non essere
166% IneditiSergio Parilli
Ho rivisto finalmente a Julián. Veniva da altri mondi non sconosciuti per lui, visto che è riuscito a tornare senza bussola. Non era tenuto a tornare, anche perché se stava bene dove era arrivato poteva restarci in eterno, visto che era previsto un viaggi⋯
La scrittura delle donne
149% ArticoliCixous HélèneSocietà
Héléne Cixous rilegge il saggio di Freud sulla Testa di Medusa per rivendicare il potere dell’écriture feminine, della scrittura femminile. Da terrificante e mostruosa, Medusa si trasforma in una figura sorridente e sovversiva in grado di destabilizzare l⋯
Il tempo che non fu
119% IneditiSergio Parilli
Racconto noir, ambientato nel passato, che racconta un improbabile spaccato di vita caduca e infortunata verso un destino che non si risolve con l’accettazione degli eventi ma affrontando le sfide che il sistema presenta ai personaggi. Di solito Paolo, do⋯