Laguna di La Restinga - Nueva Esparta, Vzla.
Il mio monolinguismo è permanente, e lo chiamo la mia dimora, e lo avverto come tale, ci sto e lo abito. Esso mi abita… Al di fuori da questo non sarei me stesso. Esso mi costituisce, mi detta ogni cosa fino all’ipseità, mi prescrive, anche, una solitudine monacale, come se dei voti mi avessero vincolato ancor prima che imparassi a parlare.
E mai questa lingua, la sola che io sia così votato a parlare, finché parlare mi sarà possibile, alla vita alla morte, questa sola lingua, vedi, non sarà mai la mia. Non lo fu mai in verità.
Cogli immediatamente l’origine delle mie sofferenze, poiché questa lingua le attraversa da una parte all’altra, è il luogo delle mie passioni, dei miei desideri, delle mie preghiere, la vocazione delle mie speranze. Ma ho torto, ho torto a parlare di attraversamento e di luogo. Poiché è unicamente sul bordo della propria lingua, né in esso né al di fuori di esso, sulla linea introvabile della sua costa, che, da sempre, permanentemente, mi chiedo se si possa amare, godere, pregare, morire di dolore o semplicemente morire in un’altra lingua o senza dire nulla a nessuno, senza nemmeno parlare…

Crediti
 Jacques Derrida
 Pinterest •  Laguna di La Restinga - Nueva Esparta, Vzla. • 




Quotes per Jacques Derrida

La vita è l'origine non rappresentabile della rappresentazione.

[…] La tolleranza è sempre la ragione del più forte, è un segno della sovranità; è il buon viso della sovranità che, dalla sua altezza, fa capire all'altro: non sei insopportabile, ti lascio un posticino a casa mia, ma non dimenticarlo, sei a casa mia…

Non c'è evento senza racconto, ma poi non c'è nessun racconto possibile dell'evento, nessun resoconto che ne renda conto, e allora ogni evento in quanto donazione ha a che fare con un racconto impossibile, e forse il vero racconto è quello più falso, doppiamente falso, in cui si racconta la follia e l'impossibilità del raccontare.

L'informazione non informa sui fatti o dei fatti, ma informa i fatti.

Non si dà essenza della donna in quanto la donna (si) apre/allontana spontaneamente. Essa inghiotte, deforma dal profondo, senza fine, senza fondo, ogni essenzialità, ogni identità, ogni proprietà. Ormai accecato, il discorso filosofico si inabissa - si lascia andare alla propria perdita. Non si dà verità della donna, ma in quanto questo scarto abissale della verità, questa non-verità, è la verità. Donna è un nome di questa non-verità della verità…  Sproni