⋯
Alcuni vorranno toglierci la sicura, sospetto che in questo momento stiano strillando ordini al telefono e che presto arriveranno gli uomini armati. Perché? Perché, mentre il manganello può sostituire il dialogo, le parole non perderanno mai il loro potere; perché esse sono il mezzo per giungere al significato, e per coloro che vorranno ascoltare, all’affermazione della verità. E la verità è che c’è qualcosa di terribilmente marcio in questo paese. Crudeltà e ingiustizia, intolleranza e oppressione. E lì dove una volta c’era la libertà di obiettare, di pensare, di parlare nel modo ritenuto più opportuno, lì ora avete censori e sistemi di sorveglianza, che vi costringono ad accondiscendere a ciò. Com’è accaduto? Di chi è la colpa? Sicuramente ci sono alcuni più responsabili di altri che dovranno rispondere di tutto ciò; ma ancora una volta, a dire la verità, se cercate un colpevole.. non c’è che da guardarsi allo specchio. Io so perché l’avete fatto. So che avevate paura. E chi non ne avrebbe avuta? Guerre, terrore, malattie. C’era una quantità enorme di problemi, una macchinazione diabolica atta a corrompere la vostra ragione e a privarvi del vostro buon senso. La paura si è impadronita di voi, ed il Caos mentale ha fatto sì che vi rivolgeste all’attuale Alto Cancelliere, Adam Sattler. Vi ha promesso ordine e pace in cambio del vostro silenzioso, obbediente consenso. Ieri sera ho cercato di porre fine a questo silenzio. Ieri sera io ho distrutto il vecchio Bailey, per ricordare a questo paese quello che ha dimenticato. Più di quattrocento anni fa, un grande cittadino ha voluto imprimere per sempre nella nostra memoria il 5 Novembre. La sua speranza, quella di ricordare al mondo che l’equità, la giustizia, la libertà sono più che parole: sono prospettive. Quindi, se non avete visto niente, se i crimini di questo vi rimangono ignoti, vi consiglio di lasciar passare inosservato il 5 Novembre. Ma se vedete ciò che vedo io, se la pensate come la penso io, e se siete alla ricerca come lo sono io, vi chiedo di mettervi al mio fianco, ad un anno da questa notte, fuori alle porte del Parlamento, e insieme offriremo loro un 5 Novembre che non verrà mai più dimenticato.

Crediti
 • Alan Moore •
 • V for Vendetta •
 • Pinterest •   •  •

Similari
Place du Châtelet - LLo sconosciuto
67% CinemaJean-Luc Godard
. «Però sarebbe piacevole vivere senza parlare!» Ha letto i Tre moschettieri? Ho visto il film. Perché? Vede. La c’era Portos. Però non era nei Tre Moschettieri, era in Vent’anni dopo. Portos grande, forte, un po’ stupido. Non ha mai pensato in vita sua, ⋯
 ⋯ Straziami ma di baci sazziami
49% Anna Maria TocchettoCinemaGiancarlo Buonofiglio
La Recensione de Nuatri Io e Anna Maria ce semo visti il film Straziami ma di baci saziami. Stemo ancora ridenne e mo ve lo raccontemo. Anna è marchiggiana doc (o marchisciana) e io ce sto a provà, ché a me quella lingua me piace tanto. L’hai visto il fil⋯
Ingmar Bergman ⋯ Fotogramma di PersonaIl nichilismo del volto
25% CinemaGilles Deleuze
Non c’è primo piano di volto. Il primo piano è il volto, ma appunto il volto in quanto si è disfatto della sua triplice funzione. Nudità del volto più grande di quella dei corpi, inumanità più grande di quella degli animali. Il bacio è già testimonianza d⋯
 ⋯ Kill Bill: oltre gli estremi
21% Anna Maria TocchettoArticoliCinema
La vendetta non è mai una linea retta; è una foresta nella quale bisogna sapere biforcare per mostrare l’indicibile. Queste parole sono del maestro Hattori Hanzo, uno dei personaggi del film Kill Bill, scritto e diretto da Quentin Tarantino. Film che in r⋯
 ⋯ La ragazza che vendicò Che Guevara
20% CinemaIrene Lamponi
Quando quella bella giovane tirò fuori la pistola, Quintanilla, l’uomo che aveva torturato Ernesto Che Guevara, forse avrebbe voluto dire qualcosa, forse avrebbe voluto implorarla, chiedere scusa, pregare. Forse, ma non ne ebbe la possibilità. Monika Ertl⋯
 ⋯ Montgomey Brogan
20% CinemaDavid Benioff
Sì, vaffanculo anche tu. Affanculo io? Vacci tu! Tu e tutta questa merda di città e chi la abita. In culo ai mendicanti che mi chiedono soldi e che mi ridono alle spalle. In culo ai lavavetri che mi sporcano il vetro pulito della macchina. In culo ai Sikh⋯