⋯
Morire così,
come un giorno lo vidi morire –,
l’amico, che saette e sguardi divinamente gettò
nella mia oscura giovinezza.
Sventato e profondo,
danzatore nella battaglia –,
tra guerrieri il più sereno,
tra vincitori il più arduo,
un destino ritto sul suo destino,
duro, riflessivo, pensieroso di ciò che sarà –:
tremante perché aveva vinto,
esultante perché morendo aveva vinto –:
ordinava, mentre moriva
e ordinò che si annientasse…
Morire così,
come un giorno lo vidi morire:
vincendo, annientando…

Crediti
 • Friedrich Nietzsche •
 • Pinterest •   •  •

Similari
L’unità divina
405% ArticoliJorge Luis Borges
L’immaginazione è la più scientifica tra le facoltà, poiché è la sola a capire l’analogia universale, o ciò che una religione mistica chiama la corrispondenza. • Charles Baudelaire Come può l’uomo abbracciare la totalità dell’universo? Come può lo scritto⋯
Sapere di non essere
212% IneditiSergio Parilli
Ho rivisto finalmente a Julián. Veniva da altri mondi non sconosciuti per lui, visto che è riuscito a tornare senza bussola. Non era tenuto a tornare, anche perché se stava bene dove era arrivato poteva restarci in eterno, visto che era previsto un viaggi⋯
Il caso Nietzsche
182% ArticoliFilosofiaGianni Vattimo
Nietzsche, accompagnato dalla sua cattiva reputazione di pensatore dei nazisti, fu poi riconsiderato, agli inizi degli anni ’60 del ventesimo secolo, da quel movimento che prese il nome: Nietzsche-Renaissance o il rinascimento nietzscheano, e soprattutto ⋯
Il mercantile
145% IneditiSergio Parilli
Magari è troppo presto, ma i sognatori, hanno sempre lo sguardo perso, sicuramente piacevole nei loro pensieri e sorridono… ma, anche se sono solo due righe con due soli sostantivi, l’emozione è sempre la stessa per il poeta. Siamo nel periodo di un’attra⋯
La sofferenza dell’essere bella
108% Alessandro BariccoFrammenti
Elena è una donna sola che vuole tornare a casa. Stanca di essere guardata, di essere additata come causa primordiale di tutte le sciagure o come causa di morte di migliaia di persone, accecate dal vapore velenoso del suo splendore. Ogni volta che si affo⋯