Egon Schiele ⋯
Mute le corde.
La musica sapeva
quello che sento.

Crediti
 • Jorge Luis Borges •
 • La cifra •
 • SchieleArt •   •  •

Similari
Egon Schiele ⋯ Devo scandire le parole
80% Schiele ArtVito Mancuso
Dopo il terzo segnale in sala si spengono le luci, si apre il sipario ed entra una maschera imprecisata dell’antica commedia dell’arte. «Eccomi qui, davanti a voi, onorato pubblico. Lo sapete? Ora che ho messo piede su questo palcoscenico entrando alla vo⋯
Egon Schiele ⋯ Mother and childIllusione del possesso che ci manca
80% Schiele ArtUgo Spirito
La nostra incapacità di risolvere la storia degli uomini nella storia della natura, che dovrebbe impegnarci in una vita come amore, è la ragione del continuo risorgere dell’illusione del possesso che ci manca. In un distacco intellettualistico dal tutto, ⋯
Egon Schiele ⋯ Sguardi furtivamente supplichevoli
79% Alberto MoraviaSchiele Art
Era chiaro che Mostallino con quella sua conversazione voleva fare intendere a Perrone che, nonostante la presenza della donna, nulla tra di loro era cambiato. E così anche Perrone avrebbe voluto che fosse. Invece, per quanto si sforzasse di mettere in qu⋯
Egon Schiele ⋯ La verità emigra sempre
78% Andrea EmoSchiele Art
Le più belle frasi sono le frasi musicali; forse le più belle fantasie amano diventare realtà come musica. Ma quale verità intraducibile in parole e concetti è narrata dalla musica? Né noi né la musica potremo mai saperlo. La musica ignora la propria veri⋯
Egon Schiele ⋯ Il rumore non fa sentire le parole
78% Milan KunderaSchiele Art
Si ricordò della musica rumorosa durante la cena e gli venne da pensare: “Il rumore ha un vantaggio. Non fa sentire le parole”. Si rese conto che, dalla giovinezza, non aveva fatto altro che parlare, scrivere, fare lezione, pensare frasi, cercare formulaz⋯
Egon Schiele ⋯ Sitzendes Mädchen mit schwarzen Strümpfen und vorgehaltenen HändenEravamo a qualche passo
77% Schiele ArtWinfried Georg Sebald
Perché non mi dici, ella domandò, disse Austerlitz, la ragione della tua inavvicinabilità? Perché, disse, da quando siamo arrivati qui sei come uno stagno gelato? Perché vedo le tue labbra schiudersi, quasi tu volessi dire, o magari persino gridare qualco⋯