The Young Mother
Quando il pericolo è così grande che la morte è divenuta la speranza, allora la disperazione nasce venendo a mancare la speranza di poter morire. In quest’ultimo significato la disperazione è chiamata la malattia mortale: quella contraddizione penosa, quella malattia dell’io di morire eternamente, di morire e tuttavia di non morire, di morire la morte. Perché morire significa che tutto è passato, ma morire la morte significa vivere, sperimentare il morire, e sperimentare questo tormento per un solo momento vuol dire sperimentarlo in eterno. Se un uomo potesse morire di disperazione come si muore di una malattia, l’elemento eterno che è in lui, l’io, dovrebbe morire nello stesso senso in cui il corpo muore della malattia. Ma questo è impossibile: il morire della disperazione si trasforma continuamente in un vivere. Il disperato non può morire; «come il pugnale non può uccidere il pensiero», così la disperazione non può distruggere l’eterno, l’io, che sta a fondamento della disperazione, il cui «verme non muore, il cui fuoco non si spegne».

Questo è il fuoco ardente, ovvero l’ardore gelido nella disperazione, il principio corrosivo il cui movimento è continuamente rivolto verso l’interno, che scava più a fondo in un’autodistruzione impotente. Lungi dall’essere un conforto per il disperato, il fatto che la disperazione non lo distrugge è piuttosto il contrario; quel conforto è precisamente il suo tormento, è ciò che mantiene in vita il dolore che rode e la vita nel dolore; infatti, appunto per questo egli non si è disperato, ma si dispera; non poter distruggere se stesso, non poter sbarazzarsi di se stesso, non poter annientarsi. Questa è la febbre della potenziazione della disperazione, il salire della febbre nella malattia dell’io.

Crediti
 • Søren Kierkegaard •
 • La malattia mortale •
 • SchieleArt • AFP Photo The Young Mother • 1914 •

Similari
 ⋯ Il caso Nietzsche
448% ArticoliFilosofiaGianni Vattimo
Nietzsche, accompagnato dalla sua cattiva reputazione di pensatore dei nazisti, fu poi riconsiderato, agli inizi degli anni ’60 del ventesimo secolo, da quel movimento che prese il nome: Nietzsche-Renaissance o il rinascimento nietzscheano, e soprattutto ⋯
 ⋯ L’essenza dell’uomo è la sua finitezza
149% FilosofiaGiovanni Romano Bacchin
L’essenza dell’uomo è la sua finitezza e la coscienza di essa. La coscienza è sapere che tutto il finito finisce nel proprio finire, che il finire del finito è il suo essere da sempre finito, perché altro non può essere, se non «finito». Il suo essere, da⋯
Friedrich NietzscheUn nuovo chiarimento della questione “Nietzsche e Stirner”
99% ArticoliBernd A. LaskaFilosofia
Da giovane ho incontrato una pericolosa divinità e non vorrei raccontare a nessuno ciò che allora ho provato — tanto di buono quanto di cattivo. Così ho imparato a tacere, come pure che bisogna imparare a parlare, per ben tacere, che un uomo che vuole te⋯
 ⋯ Ai giovani
65% ArticoliFilosofiaJiddu Krishnamurti
Vi siete mai chiesti quale sia il senso dell’educazione? Perché andiamo a scuola, perché impariamo varie materie, perché facciamo esami e gareggiamo fra di noi per avere i voti migliori? Qual è il significato della cosiddetta educazione, qual è la sua ver⋯
Robert Doisnau ⋯ La chiacchiera come resistenza
65% ArticoliFilosofiaFrancesco Lamendola
Molte persone passano gran parte della loro vita sociale a parlare di cose insignificanti o, peggio, a sentenziare intorno a cose estremamente serie, ma senza alcuna serietà: così, solo per sentire il suono della propria voce e per essere confortate dal c⋯
Siddharta GautamaIl buddismo
62% Autori VariFilosofia
Fondato in India da Siddharta Gautama, detto Buddha, (566-486 a.C.), il Buddismo è, nella sua chiave classica, la dottrina che ha avuto maggior diffusione, sia nell’Asia centrale che nell’Estremo Oriente come nel Sud-Est asiatico, e, particolarmente, in G⋯