Nel fiume di Eraclito

Nel fiume di Eraclito un pesce pesca i pesci,
un pesce squarta un pesce con un pesce affilato,
un pesce costruisce un pesce, un pesce abita in un pesce,
un pesce fugge da un pesce assediato.

Nel fiume di Eraclito un pesce ama un pesce,
i tuoi occhi – dice – brillano come i pesci nel cielo,
voglio nuotare con te fino al mare comune,
o tu, la più bella del banco.

Nel fiume di Eraclito un pesce ha immaginato il pesce dei pesci,
un pesce si inginocchia davanti al pesce, un pesce canta al pesce
e chiede al pesce un nuotare più lieve.

Nel fiume di Eraclito io pesce singolo, io pesce distinto
(non fosse che dal pesce albero e dal pesce pietra)
scrivo in particolari momenti piccoli pesci
con scaglie così fugacemente argentate
da esser forse un ammiccare imbarazzato del buio.


Crediti
 • Wisława Szymborska •
 • Pinterest • Pieter Bruegel  •  •

Similari
 ⋯ Il mercantile
494% IneditiSergio Parilli
Magari è troppo presto, ma i sognatori, hanno sempre lo sguardo perso, sicuramente piacevole nei loro pensieri e sorridono… ma, anche se sono solo due righe con due soli sostantivi, l’emozione è sempre la stessa per il poeta. Siamo nel periodo di un’attra⋯

Egon Schiele ⋯Uno sguardo a noi stessi
155% Jonathan Safran FoerSchiele Art
I primi occhiali furono fabbricati a Pisa intorno al 1290. Una decina di anni dopo, a Venezia, fu inventato lo specchio convesso – probabilmente si trattò di una scoperta accidentale, legata allo sviluppo delle lenti usate per gli occhiali. In precedenza ⋯

 ⋯ Il caso Nietzsche
147% ArticoliFilosofiaGianni Vattimo
Nietzsche, accompagnato dalla sua cattiva reputazione di pensatore dei nazisti, fu poi riconsiderato, agli inizi degli anni ’60 del ventesimo secolo, da quel movimento che prese il nome: Nietzsche-Renaissance o il rinascimento nietzscheano, e soprattutto ⋯

Egon Schiele ⋯ Self Portrait of Paris von GuterslohIl sacrificio del miele
139% FilosofiaFriedrich NietzscheSchiele Art
— E di nuovo passarono i mesi e gli anni su l’anima di Zarathustra, ma egli non vi badò; e intanto i suoi capelli incanutirono. Un giorno, mentre stava seduto sovra un sasso dinanzi alla sua caverna e guardava silenzioso avanti a sé (il suo sguardo spazia⋯

 ⋯ La vita di Gea
139% ArticoliFrancisco DomeneRacconti
C’era che non c’era. C’era una volta che non c’era niente; anteriore al no e allo stesso tempo era il sì e il no. Non esistendo il tempo, un orologio sarebbe subito impazzito, perché non c’era nulla da misurare: né notte o giorno, né silenzio o rumore, né⋯

 ⋯ Sapere di non essere
131% IneditiSergio Parilli
Ho rivisto finalmente a Julián. Veniva da altri mondi non sconosciuti per lui, visto che è riuscito a tornare senza bussola. Non era tenuto a tornare, anche perché se stava bene dove era arrivato poteva restarci in eterno, visto che era previsto un viaggi⋯