Egon Schiele ⋯
Il tuo prossimo è l’altra parte di te che abita al di là del muro. Nella conoscenza tutti i muri cadranno.
Chi può dire che quella parte di te che è il tuo prossimo non sia anche la migliore, vestita di un altro corpo? Cerca allora di amarlo come ami te stesso.
Il prossimo tuo è un campo su cui le primavere della tua speranza avanzano di verde vestite, e su cui gli inverni del tuo desiderio sognano vette innevate.
Il prossimo tuo è lo specchio in cui contemplerai il tuo volto, reso bello da una gioia di cui nulla sai e da un dolore che non hai provato.

Crediti
 • Kahlil Gibran •
 • Gesù figlio dell'uomo •
  • parla Gesù •
 • SchieleArt •   •  •

Similari
Il caso Nietzsche
299% ArticoliFilosofiaGianni Vattimo
Nietzsche, accompagnato dalla sua cattiva reputazione di pensatore dei nazisti, fu poi riconsiderato, agli inizi degli anni ’60 del ventesimo secolo, da quel movimento che prese il nome: Nietzsche-Renaissance o il rinascimento nietzscheano, e soprattutto ⋯
La scrittura delle donne
146% ArticoliCixous HélèneSocietà
Héléne Cixous rilegge il saggio di Freud sulla Testa di Medusa per rivendicare il potere dell’écriture feminine, della scrittura femminile. Da terrificante e mostruosa, Medusa si trasforma in una figura sorridente e sovversiva in grado di destabilizzare l⋯
Sapere di non essere
143% IneditiSergio Parilli
Ho rivisto finalmente a Julián. Veniva da altri mondi non sconosciuti per lui, visto che è riuscito a tornare senza bussola. Non era tenuto a tornare, anche perché se stava bene dove era arrivato poteva restarci in eterno, visto che era previsto un viaggi⋯
Il fenomeno è illusione e apparenza
134% Autori VariFilosofia
Hegel, insediato dall’alto, dalle forze al potere, fu un ciarlatano di mente ottusa, insipido, nauseabondo, illetterato che raggiunse il colmo dell’audacia scarabocchiando e scodellando i più pazzi e mistificanti non-sensi. Questi non-sensi sono stati chi⋯
Un nuovo chiarimento della questione “Nietzsche e Stirner”
128% ArticoliBernd A. LaskaFilosofia
Da giovane ho incontrato una pericolosa divinità e non vorrei raccontare a nessuno ciò che allora ho provato — tanto di buono quanto di cattivo. Così ho imparato a tacere, come pure che bisogna imparare a parlare, per ben tacere, che un uomo che vuole te⋯