Class Enemy - La recensione


Non volevo fare un film sulla fragilità del sistema scolastico, ho preso spunto da un’esperienza vissuta da studente, analoga a quella del film. Ho raccontato il tentativo di ciascun personaggio di manipolare il dramma altrui per raggiungere uno scopo personale. Un comportamento molto diffuso in politica, anche se il mio non è un film politico.

Si dice che la fine sia nell’inizio, si dice infatti, ma il punto, è essere quell’inizio per essere allo stesso modo immancabilmente nella fine. E il giovane regista sloveno Rok Biček, vincitore della Settimana della Critica a Venezia 2013, al suo esordio con “Class Enemy” riesce a catturare consapevolmente l’attenzione, mettendoci la propria, per sfociare insieme nel silenzio, nessuna musica nei titoli di coda, se ne esce decisamente colpiti, non dalla visione di un film o da un qualche ricordo, ma da un vero e proprio vissuto.

Il tutto è già presente e proviene da un passato, per raccogliersi nel suo svolgimento, in una classe di un liceo sloveno, ma che potrebbe essere benissimo, una qualsiasi classe di un liceo in Europa.

In questo microcosmo sociale, tutto scorre normalmente, tenuto insieme dall’ipocrisia, fin quando non vi giunge un nuovo elemento, il professore di tedesco, che con la sua fermezza, diventa quello specchio che si è sempre evitato e con cui prima o poi si deve fare i conti.

Il regista mai di parte, con maestria, sovrappone schemi predefiniti adolescenziali e filosofia, mai spiccia o di facili risposte.


Studiare non significa sapere. Volere non significa potere.

Con questa frase di Cankar inizia la lezione di tedesco, perché sia chiaro: nulla si può dare per scontato e tutto può essere, per cui, l’animo umano striato di contraddizioni, diventa indefinibile. LocandinaNiente è come crediamo, resta il fenomeno con il brulicare delle più svariate interpretazioni e le conseguenze di queste. Resta il suicidio di una studentessa, dopo un dialogo con il professore, che l’ha messa davanti all’evidenza della sua bravura nel suonare il piano, e della sua indecisione, insicurezza e fragilità.

Ecco allora, che il suicidio diventa presa di posizione, denunciando così la fragilità degli altri e l’ipocrisia di un sistema di cose. L’elaborazione del lutto, dapprima una serie di schermaglie, dove il professore diventa il capro espiatorio, si fa poi, una presa di coscienza e un rendersi effettivamente conto che: “La morte di un uomo è meno affar suo che di chi gli sopravvive.” Thomas Mann, i cui figli, Michael e Klaus, si erano tolti la vita.

Sembra che a salvarci la vita, sia chi ci asseconda, lasciando tutto com’è, e invece, è chi ci scuote e ci infastidisce a restituirci una vita o una morte, ma che almeno sia la propria.

Crediti
 • Anna Maria Tocchetto •
 • Pinterest •   •  •

Similari
 ⋯ Straziami ma di baci sazziami
108% Anna Maria TocchettoCinemaGiancarlo Buonofiglio
La Recensione de Nuatri Io e Anna Maria ce semo visti il film Straziami ma di baci saziami. Stemo ancora ridenne e mo ve lo raccontemo. Anna è marchiggiana doc (o marchisciana) e io ce sto a provà, ché a me quella lingua me piace tanto. L’hai visto il fil⋯
 ⋯ Kill Bill: oltre gli estremi
96% Anna Maria TocchettoArticoliCinema
La vendetta non è mai una linea retta; è una foresta nella quale bisogna sapere biforcare per mostrare l’indicibile. Queste parole sono del maestro Hattori Hanzo, uno dei personaggi del film Kill Bill, scritto e diretto da Quentin Tarantino. Film che in r⋯
⋯  ⋯Imprescindibilità del ritmo: scrittura, cinema, composizione
90% Anna Maria TocchettoArticoli
Il libro in sé deve dare l’impressione di essere semplicemente un episodio… com’è in realtà la nostra epoca, e indubbiamente tutte le epoche. La forma, dunque… ma dovrei dire piuttosto il ritmo: il ritmo in senso cinematografico… collegamenti delle ⋯
 ⋯ Il Deserto
64% Anna Maria TocchettoArticoli
Vivere certo, è un po’ il contrario di esprimere. Secondo i grandi maestri toscani, è testimoniare tre volte, nel silenzio, nella fiamma e nell’immobilità. Ci vuole molto tempo per capire che i personaggi dei loro quadri, si incontrano ogni giorno nelle v⋯
⋯  ⋯Sexistenza
52% Anna Maria TocchettoFrammentiJean-Luc Nancy
Esiste l’amore in tutta la sterminata estensione del termine, l’amore senza confini, l’amore per l’umanità, il mondo, la musica, il mare o la montagna, la poesia o la filosofia, che è essa stessa amore della sapienza. Non è così? Quest’ultima, a sua volta⋯
 ⋯ Male comune
48% Anna Maria TocchettoArticoli
Un processo assomiglia a un dramma in quanto che dal principio alla fine si occupa del protagonista, non della vittima. Siamo a Gerusalemme, in un’aula di tribunale che ha visto il primo processo per crimini contro l’umanità dopo quello di Norimberga, e i⋯