⋯
L’uomo, per bisogno o noia, vuole esistere socialmente come in un gregge ed è spinto a concludere la pace, e tende a far sparire dal suo mondo il più rozzo bellum omnium contra omnes. Questo trattato di pace porta in sé qualcosa che si presenta come il primo passo per raggiungere quel l’enigmatico impulso alla verità. A questo viene fissato ciò che in seguito dovrà essere la “verità”. […] La “cosa in sé” è d’altronde del tutto inafferrabile per colui che costruisce il linguaggio. […] Egli designa soltanto le relazioni delle cose con gli uomini e ricorre all’aiuto delle più ardite metafore per esprimere tali relazioni.

Friedrich Nietzsche
Su verità e menzogna in senso extramorale

Non occorre avere una ragione di seguire una regola così come la seguiamo. La catena delle ragioni ha un termine, una fine.
(Libro marrone, p. 184). Alla fine delle ragioni infatti per Wittgenstein, non vi sono né proposizioni infondate (Della Certezza, a. 110) né altre che “ci saltano immediatamente agli occhi come vere” perché non vi è “una specie di vedere [o di non vedere] da parte nostra”, bensì “il nostro agire” (a. 204).
Ad un certo punto, non resta altro che dire che così è, così agiamo, così calcoliamo. Ma questa non è una rinuncia alla filosofia, quanto piuttosto una sorta di atto etico con cui assumiamo la nostra finitezza.

Renzo Perissinotto
Wittgenstein

Tu dici: ‘Questo è rosso’. Ma come si deciderà se hai ragione? Non decide forse l’accordo tra gli uomini? Ci hanno insegnato a determinare il colore rosso? (Zettel, a.429-431).
‘Così, dunque, tu dici che è l’accordo tra gli uomini a decidere che cosa è vero e che cosa è falso!’ – Vero e falso è ciò che gli uomini dicono; e nel linguaggio gli uomini concordano. E questa non è una concordanza delle opinioni, ma della forma di vita.

Ludwig Wittgenstein
Ricerche filosofiche

Crediti
 • Autori Vari •
 • Pinterest •   •  •

Similari
 ⋯ Dall’autorganizzazione alla comunizzazione
267% ArticoliAutori VariPolitica
Designare la rivoluzione come comunizzazione è dire questa cosa abbastanza banale, che l’abolizione del capitale è l’abolizione di tutte le classi, compreso il proletariato, e non la sua liberazione, il suo ergersi a classe dominante che organizza la soci⋯
 ⋯Dialogo tra Tagore ed Einstein
122% Autori VariSingoli
Il 14 luglio 1930 il poeta indiano Rabindranath Tagore fece visita ad Einstein, che allora si trovava a Caputh, nel Brandeburgo. Il dialogo venne registrato e pubblicato per la prima volta nel 1931 nella rivista «Modern Review». Tagore – Sei stato occupat⋯
 ⋯ Il luogo etico dal quale si parla
115% Aldo Giorgio GarganiLinguaggio
Lo scopo di tutto il lavoro intellettuale di Wittgenstein consiste nella terapia di quelle malattie filosofiche suscitate da un abuso del nostro linguaggio. Un abuso e un fraintendimento del nostro linguaggio che per Wittgenstein si originano da illusioni⋯
 ⋯ Animalia
93% ArticoliAutori VariLibri
Avete sentito: E ciò che è più importante fra i mortali, tutto viene da noi: da noi, gli uccelli. Il minimo che si possa dire è che la ricerca moderna non ha confermato questa ipotesi. Ma bisogna ammetterlo: la ricerca moderna, che pure ha chiarito molti ⋯
Egon Schiele ⋯ SunflowerL’essenza del testo
82% ArticoliElena CarusoLinguaggioSchiele Art
Barthes attraverso “Il piacere del testo” analizza le ragioni che spingono il lettore ad avvicinarsi ad un testo con un atteggiamento cannibalesco, quasi ne volesse divorare il tessuto, l’essenza. Cosa spinge il lettore a “leggere fino a farsi del male! F⋯
 ⋯ Non vi è nulla al di fuori del testo
73% ArticoliDarin McNabbLinguaggio
Già si è detto tutto, ma siccome viviamo dimenticando, bisogna continuare a ripeterlo. La ripetizione non è innocente: produce nuovi effetti. Se si pensa al termine “postmoderno”, vengono rapidamente in mente persone come Nietzsche, Heidegger, Foucault e ⋯