⋯
L’uomo, per bisogno o noia, vuole esistere socialmente come in un gregge ed è spinto a concludere la pace, e tende a far sparire dal suo mondo il più rozzo bellum omnium contra omnes. Questo trattato di pace porta in sé qualcosa che si presenta come il primo passo per raggiungere quel l’enigmatico impulso alla verità. A questo viene fissato ciò che in seguito dovrà essere la “verità”. […] La “cosa in sé” è d’altronde del tutto inafferrabile per colui che costruisce il linguaggio. […] Egli designa soltanto le relazioni delle cose con gli uomini e ricorre all’aiuto delle più ardite metafore per esprimere tali relazioni.

Friedrich Nietzsche
Su verità e menzogna in senso extramorale
• in Opere, Adelphi, Milano, 1991, vol. III, t. 2, pp.354-365 •

Non occorre avere una ragione di seguire una regola così come la seguiamo. La catena delle ragioni ha un termine, una fine.
(Libro marrone, p. 184). Alla fine delle ragioni infatti per Wittgenstein, non vi sono né proposizioni infondate (Della Certezza, a. 110) né altre che “ci saltano immediatamente agli occhi come vere” perché non vi è “una specie di vedere [o di non vedere] da parte nostra”, bensì “il nostro agire” (a. 204).
Ad un certo punto, non resta altro che dire che così è, così agiamo, così calcoliamo. Ma questa non è una rinuncia alla filosofia, quanto piuttosto una sorta di atto etico con cui assumiamo la nostra finitezza.

Renzo Perissinotto
Wittgenstein
• p.117 •

Tu dici: ‘Questo è rosso’. Ma come si deciderà se hai ragione? Non decide forse l’accordo tra gli uomini? Ci hanno insegnato a determinare il colore rosso? (Zettel, a.429-431).
‘Così, dunque, tu dici che è l’accordo tra gli uomini a decidere che cosa è vero e che cosa è falso!’ – Vero e falso è ciò che gli uomini dicono; e nel linguaggio gli uomini concordano. E questa non è una concordanza delle opinioni, ma della forma di vita.

Ludwig Wittgenstein
Ricerche filosofiche
• Aforisma 241 •

Crediti
 • Autori Vari •
 • Pinterest •   •  •

Similari
Il caso Nietzsche
868% ArticoliFilosofiaGianni Vattimo
Nietzsche, accompagnato dalla sua cattiva reputazione di pensatore dei nazisti, fu poi riconsiderato, agli inizi degli anni ’60 del ventesimo secolo, da quel movimento che prese il nome: Nietzsche-Renaissance o il rinascimento nietzscheano, e soprattutto ⋯
Le origini romantiche della psicoanalisi e l’obiezione di Nietzsche
362% ArticoliPsicologiaUmberto Galimberti
A differenza di tutti i popoli della terra, l’uomo occidentale un giorno ha detto Io. L’ha annunciato Platone e l’ha esplicitato Cartesio. La psicologia ha catturato questa parola e ne ha fatto il centro della soggettività, dispiegando una visione del mon⋯
Un nuovo chiarimento della questione “Nietzsche e Stirner”
273% ArticoliBernd A. LaskaFilosofia
Da giovane ho incontrato una pericolosa divinità e non vorrei raccontare a nessuno ciò che allora ho provato — tanto di buono quanto di cattivo. Così ho imparato a tacere, come pure che bisogna imparare a parlare, per ben tacere, che un uomo che vuole te⋯
Dall’autorganizzazione alla comunizzazione
265% ArticoliPolitica
Designare la rivoluzione come comunizzazione è dire questa cosa abbastanza banale, che l’abolizione del capitale è l’abolizione di tutte le classi, compreso il proletariato, e non la sua liberazione, il suo ergersi a classe dominante che organizza la soci⋯
Arricchire la visione del mondo
243% Adolfo Vásquez RoccaArticoliFilosofia
Negli studi di Derrida e di Ricoeur intorno alla metafora e all’interpretazione, appena si cita Nietzsche, tutto quanto si pensa, si pensa partendo da lui. L’influenza che il pensiero di questo filosofo ha prodotto nella mentalità dell’Occidente è così gr⋯