Nominare è un po' come fermare
Non ha importanza chi o cosa si sta vivendo, nominare è un po’ come fermare, cancellare… ed è forse proprio nel non riuscire a dire o ad affibbiare un nome a tal cosa o vissuto, che ci si perde, restando uno nella vita dell’altro.

Crediti
 • Anonimo •
 • Pinterest • Loui Jover  •  •

Similari
  ⋯ Roma Town Site
49% PercorsiUldio Calatonaca
Roma, lo dico subito, nell’ultima trentina d’anni è cambiata poco o nulla; o meglio lo ha fatto un po’ in male e un po’ anche in bene. Io, romano che trenta anni fa era ventenne, non capisco cosa è davvero peggiorato: mondezza trasporti sanità delinquenza⋯
Imogen CunninghamRari sono gli incontri
42% AnonimoPercorsi
L’incontro è anche una questione di vissuto, perché è un certo vissuto che porta fin lì, ma perché incontro ci sia, poi questo deve farsi da parte, poiché si rischia di muovere da lì spostandosi dal momento che si sta vivendo, e mancando così l’incontro; ⋯
⋯  ⋯Il filo nero della storia
36% AnonimoArticoliSocietà
Che senso ha riproporre oggi testi rivoluzionari del passato, pubblicare scritti e documenti sui movimenti rivoluzionari o sulle rivolte di un tempo? Secondo alcuni nessuno, essendo stata ogni prospettiva rivoluzionaria sconfitta dalla storia, per cui ogn⋯
 ⋯Panta Rei
34% AnonimoPercorsi
Diceva Eraclito, più di duemila anni fa, che non ci si bagna mai due volte nella stessa acqua di un fiume. Dicevano i Greci, sempre più di duemila anni fa, che l’adunaton, l’impossibile per eccellenza, è che ciò che è avvenuto possa non essere avvenuto. O⋯
 ⋯ Rapimento
31% Leo BuscagliaPercorsi
Abbiamo paura di vivere la vita, e perciò non facciamo esperienze, non vediamo. Non sentiamo. Non rischiamo! Non prendiamo a cuore nulla! Non viviamo… perché la vita significa essere coinvolti attivamente. Vivere significa sporcarvi le mani. Vivere signif⋯
Max De Martino ⋯ Sostenere l’onda d’urto della deflagrazione del dolore
30% Janusz KorczakPercorsi
Adulto è colui che ha preso in carico il bambino che è stato, ne è diventato il padre e la madre. Adulto è colui che ha curato le ferite della propria infanzia, riaprendole per vedere se ci sono cancrene in atto, guardandole in faccia, non nascondendo il ⋯