⋯
Non ancora, ma presto” era la frase che da tanto, troppo tempo si ripeteva, come un ritornello stanco buono per ogni cosa. I giorni, le settimane, i mesi e poi gli anni passavano e dell’appagamento dei suoi desideri ancora nulla, e lui, come quel ritornello, era stanco.
Iniziava a non poterne più di avere i suoi desideri sempre una tacca sopra le sue possibilità, della continua frustrazione di non potere, acuita dalla fatica e dall’impegno quotidiano che metteva in tutto quello che faceva. Sapeva bene che per ottenere quello che si vuole bisogna sudare, che niente e nessuno regala nulla, ma ritrovarsi ancora a subire quello che ormai stava diventando il leitmotiv della sua esistenza gli provocava una profonda ed insopportabile frustrazione. Si ottiene sempre quello che si merita, si raccoglie quello che si è seminato, e allora, dove sbagliava, quali madornali errori aveva commesso, per ritrovarsi in quella situazione? Aveva desiderato troppo? No, non si può scegliere cosa desiderare, non si è responsabili dei propri desideri. Non ci aveva messo il giusto impegno? Nemmeno, perché aveva lavorato duro per realizzare ciò che voleva. E allora perché i risultati non giungevano, perché non vedeva neppure vicina la meta? A pesare su tutto c’erano il suo, ormai, insopportabile, ottimismo e fede in quello che faceva. Così andava avanti per la sua strada, infaticabile e arcigno, con la determinazione della formica e l’allegria della cicala, sognando, ancora una volta, un futuro migliore, contro tutto e tutti, a dispetto di ogni evidenza e contingenza, aveva ancora lo sguardo limpido di un sognatore che sì, forse un po’ più stanco e disilluso, continuava a sperare e credere che avrebbe alfine ottenuto ciò che desiderava.

Crediti
 • Autori Vari •
 • Pinterest •   •  •

Similari
 ⋯ Il Codice di Hammurabi
293% ArticoliStorieWikipedia
Quando Anu il Sublime, Re dell’Anunaki, e Bel, il signore di Cielo e terra, che stabilirono la sorte del paese, assegnarono a Marduk, il pantocratore figlio di Ea, Dio della giustizia, il dominio su ogni uomo sulla faccia della terra, e lo resero grande f⋯
 ⋯ Dall’autorganizzazione alla comunizzazione
129% ArticoliAutori VariPolitica
Designare la rivoluzione come comunizzazione è dire questa cosa abbastanza banale, che l’abolizione del capitale è l’abolizione di tutte le classi, compreso il proletariato, e non la sua liberazione, il suo ergersi a classe dominante che organizza la soci⋯
⋯  ⋯Il fenomeno è illusione e apparenza
73% ArticoliAutori VariFilosofia
Hegel, insediato dall’alto, dalle forze al potere, fu un ciarlatano di mente ottusa, insipido, nauseabondo, illetterato che raggiunse il colmo dell’audacia scarabocchiando e scodellando i più pazzi e mistificanti non-sensi. Questi non-sensi sono stati chi⋯
 ⋯ Animalia
72% ArticoliAutori VariLibri
Avete sentito: E ciò che è più importante fra i mortali, tutto viene da noi: da noi, gli uccelli. Il minimo che si possa dire è che la ricerca moderna non ha confermato questa ipotesi. Ma bisogna ammetterlo: la ricerca moderna, che pure ha chiarito molti ⋯
 ⋯ Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo
48% ArticoliAutori VariSocietà
Considerato che il riconoscimento della dignità inerente a tutti i membri della famiglia umana e dei loro diritti, uguali ed inalienabili, costituisce il fondamento della libertà, della giustizia e della pace nel mondo; Considerato che il disconoscimento ⋯
Jean-Michel Basquiat ⋯Nemici del popolo
47% ArticoliAutori VariSocietà
Una delle tante ridicole credenze degli sventurati è che le loro miserie debbano necessariamente suscitare simpatia. Questa è davvero la più tenace delle loro convinzioni. Non è mai troppo sbagliato dimostrare, nel loro stesso interesse, fino a che punto ⋯