⋯
Rifletto sul significato ancestrale della frase dei nostri – per la Storia – se non nonni al massimo bisnonni, gli antichi greci, che dice: “Nascondi la tua felicità agli dei: sono gelosi degli umani e potrebbero rubartela ancora prima che si concreti“. Beati i nostri cuginetti ateniesi, che potevano combattere in piedi coi propri dei, gelosi, crudeli e sublimi proprio come noi umani e non come noi, costretti in ginocchio a testa bassa a subire tutte le volontà di un dio despota e per nostra assoluta disgrazia puro, senza difetti e misericordioso. Ho notato nella mia ormai esperienza di qualche peso su questo pianeta che non c’è niente di più cattivo – e uso la parola pre-freudiana, o shakespeariana – del misericordioso, il buono, l’onesto a tutto tondo.

Crediti
 • Goliarda Sapienza •
 • Pinterest •   •  •

Similari
 ⋯ Le origini romantiche della psicoanalisi e l’obiezione di Nietzsche
96% ArticoliPsicologiaUmberto Galimberti
A differenza di tutti i popoli della terra, l’uomo occidentale un giorno ha detto Io. L’ha annunciato Platone e l’ha esplicitato Cartesio. La psicologia ha catturato questa parola e ne ha fatto il centro della soggettività, dispiegando una visione del mon⋯
 ⋯ Psicoletteratura
73% ArticoliMaria Cecilia BertolaniPsicologia
Curioso come si ricordino meglio le parole dette che i sentimenti che non arrivarono a scuotere l’aria. • Italo Svevo • • La coscienza di Zeno • Il saggio dei due Ogden, un autore psicoanalista e l’altro critico letterario, ripropone e indaga con attenzio⋯
 ⋯ Basi neurologiche della coscienza
53% ArticoliAutori VariNeuroscienze
Spesso non siamo consapevoli di quelle che sono le ragioni e le cause del nostro comportamento; più indaghiamo nei meandri della mente, più ci si accorge di quanto sia importante e potente il nostro inconscio. L’inconscio, come parte più intima di noi ste⋯
 ⋯ L’io nella teoria di Freud
52% Jacques LacanPsicologia
Una delle superstizioni più frequenti e diffuse è che ogni uomo abbia solo certe qualità definite, che ci sia l’uomo buono, cattivo, intelligente, stupido, energico, apatico, eccetera. Ma gli uomini non sono così. Possiamo dire di un uomo che è più spesso⋯
 ⋯Il suono di onde in uno specchio d’acqua
50% Eugenio BorgnaPsicologia
Così David Sylvian tratta la Nostalgia ed io a malapena avevo l’età della Ragione, nel senso che avevo ragione solo IO: figuriamoci quella del Giudizio!. Se tanto mi dà tanto, prima si Ragiona, poi si è Pratici ed infine si Giudica, Kantianamente parlando⋯
Tra neuroscienze, psicologia e letteratura, la nascita di unIl cervello raccontato
45% ArticoliNeuroscienzePaolo Pecere
Il rapporto tra l’attività cerebrale e l’identità di una persona è un tema attualissimo, che fin dalle sue prime formulazioni moderne ha messo in questione il ruolo della narrazione: come può collegarsi l’operare dei miliardi di neuroni che compongono il ⋯