Egon Schiele ⋯ Male nude self-portrait
E non è mai troppo tardi per vivere nel rispetto della propria essenza.
In confronto ai secoli passati, oggi possiamo contare su una rinfrancante libertà di espressione. Eppure, conosco pochissimi eletti in grado di salvaguardare la loro essenza senza scendere a compromessi. I condizionamenti non sono tanto esterni (codici etici, valori culturali, tradizioni inossidabili), quanto legati a un’endemica fragilità personale. La società ci pone degli obiettivi implacabili, ai quali rispondiamo perseguendo approvazione, ammirazione, stabilità, sicurezza. Aneliamo alla realizzazione professionale, alla perfezione estetica, a una residenza da rivista patinata o all’auto status symbol, spesso senza chiederci se quei traguardi siano davvero sentiti o derivino piuttosto dall’effimero senso di comfort garantito dal nostro adeguamento al modello prevalente. Ne scaturisce un dualismo tra l’umano desiderio di appartenenza/riconoscimento e l’intima esigenza di essere amati per quello che siamo. Ma se ci cibiamo di convinzioni – riguardo al successo o alla felicità – che altre persone hanno confezionato per noi, il rischio è che l’anima perisca di denutrizione. Essere fuori sincrono rispetto a se stessi porta a un distacco dalla propria coscienza. (…) Non esiste un modo giusto o sbagliato di essere autentici, ma il presupposto fondamentale per riguadagnare questo stato di grazia originario passa attraverso la presa d’atto e l’accettazione. Anche se abbiamo a lungo represso o trascurato le nostre sfaccettature più luminose – creatività, spontaneità, empatia, gentilezza o effervescenza – possiamo tornare a una condizione di armonioso equilibrio. Si tratta di lasciar andare senza ripensamenti le zavorre di cui non abbiamo più bisogno, per accogliere con fiducia quello che merita di essere trovato. La capacità di discernimento è come un muscolo: solo se allenato con regolarità porta a compiere scelte forti e consapevoli, capaci di onorare mente, corpo e spirito. Ma ne vale la pena, perché corrisponde alla differenza tra vivere e sopravvivere.

Crediti
 • Autori Vari •
  • tratto da Marie clare Maison •
 • SchieleArt • Imagno Male nude self-portrait • 1911 •

Similari
 ⋯ Dall’autorganizzazione alla comunizzazione
307% ArticoliAutori VariPolitica
Designare la rivoluzione come comunizzazione è dire questa cosa abbastanza banale, che l’abolizione del capitale è l’abolizione di tutte le classi, compreso il proletariato, e non la sua liberazione, il suo ergersi a classe dominante che organizza la soci⋯
⋯  ⋯Il fenomeno è illusione e apparenza
148% ArticoliAutori VariFilosofia
Hegel, insediato dall’alto, dalle forze al potere, fu un ciarlatano di mente ottusa, insipido, nauseabondo, illetterato che raggiunse il colmo dell’audacia scarabocchiando e scodellando i più pazzi e mistificanti non-sensi. Questi non-sensi sono stati chi⋯
Egon Schiele ⋯ SunflowerL’essenza del testo
99% ArticoliElena CarusoLinguaggioSchiele Art
Barthes attraverso “Il piacere del testo” analizza le ragioni che spingono il lettore ad avvicinarsi ad un testo con un atteggiamento cannibalesco, quasi ne volesse divorare il tessuto, l’essenza. Cosa spinge il lettore a “leggere fino a farsi del male! F⋯
 ⋯ Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo
95% ArticoliAutori VariSocietà
Considerato che il riconoscimento della dignità inerente a tutti i membri della famiglia umana e dei loro diritti, uguali ed inalienabili, costituisce il fondamento della libertà, della giustizia e della pace nel mondo; Considerato che il disconoscimento ⋯
Egon Schiele ⋯ La nostra vita interiore ci è sconosciuta
51% Irvin YalomSchiele Art
Quando Schopenhauer era in vita la psicoterapia non era ancora nata, e tuttavia nei suoi scritti c’è molto di pertinente con la terapia. La sua opera maggiore, “Il mondo come volontà e rappresentazione“, cominciava con una critica e un ampliamento di Kant⋯
⋯ Edgar Degas ⋯L’anima e la danza
50% ArticoliAutori Vari
Con la trattazione della filosofia della danza intendiamo analizzare il rapporto tra il linguaggio della filosofia come coscienza riflessiva e cristallizzata in poesie e il pensiero nella fluidità del suo farsi. Paul Valéry esprime questo concetto nel dia⋯