Non l'avrei trovata cercandola
È inseguendomi, mutilandomi, sulla via dell’orrore, della depressione, del rifiuto (al culmine del disordine, dell’eccesso), che la chance, la leggerezza, la totale assenza di peso della chance mi afferra (basta appesantirsi un istante per perdere la chance). Non l’avrei trovata cercandola. Parlandone, già la tradisco: mi sottraggo al tradimento soltanto infischiandomene di tradirmi o di essere tradito. Io sono totalmente, tutta la mia vita e le mie forze sono votate alla chance: che in me è soltanto assenza, inanità… riso così allegro. Di fronte a coloro che hanno un motivo, una ragione, non rimpiango nulla, non invidio nessuno. Li spingo invece a condividere la mia sorte. Considero felici il mio odio dei motivi e la mia fragilità. L’estrema difficoltà della mia situazione è la mia chance. Me ne inebrio. Ma porto in me stesso, mio malgrado, e come una carica esplosiva, una domanda: Che cosa può fare a questo mondo un uomo lucido di mente? Un uomo che porta in sé un’esigenza sconsiderata?

Crediti
 • Georges Bataille •
 • Nietzsche und der Willie sur Chance •
 • Pinterest •   •  •

Similari
 ⋯ Il caso Nietzsche
372% ArticoliFilosofiaGianni Vattimo
Nietzsche, accompagnato dalla sua cattiva reputazione di pensatore dei nazisti, fu poi riconsiderato, agli inizi degli anni ’60 del ventesimo secolo, da quel movimento che prese il nome: Nietzsche-Renaissance o il rinascimento nietzscheano, e soprattutto ⋯
Friedrich NietzscheUn nuovo chiarimento della questione “Nietzsche e Stirner”
129% ArticoliBernd A. LaskaFilosofia
Da giovane ho incontrato una pericolosa divinità e non vorrei raccontare a nessuno ciò che allora ho provato — tanto di buono quanto di cattivo. Così ho imparato a tacere, come pure che bisogna imparare a parlare, per ben tacere, che un uomo che vuole te⋯
 ⋯ La violenza nella storia
113% ArticoliFilosofiaGérard Wormser
Queste genti si percoteano a vicenda non solo con le mani, ma con la testa, col petto, e coi piedi, troncandosi reciprocamente coi denti le membra a brano a brano. • Dante Alighieri • La violenza si presenta come una relazione e non come un oggetto, una c⋯
 ⋯ Che cos’è l’uomo
94% ArticoliFilosofiaJózef Maria Bocheński
Rifletteremo ora sull’uomo. A suo riguardo i problemi filosofici sono così numerosi, che ora non è possibile nominarli tutti. La nostra meditazione si riferirà perciò necessariamente solo ad alcuni di essi. Prima di tutto, con i grandi pensatori del passa⋯
 ⋯ Filosofia e rivoluzione: il testo, il contesto e la trama
83% ArticoliFilosofiaRaimon Panikkar
“Philosophy and Revolution: the Text, the Context and the Texture” è un articolo che Panikkar ha pubblicato nel luglio del 1973 sulla rivista di studi interculturali «Philosophy East and West», vol. 23, n° 3, pp. 315-322. Mai apparso in traduzione italian⋯
 ⋯ Attuare la decreazione
73% Antonio MagnanimoArticoliFilosofia
Simone Adolphine Weil, nata a Parigi il 3 febbraio 1909 e morta ad Ashford, 24 agosto 1943, è stata una filosofa, mistica e scrittrice francese, la cui fama è legata, oltre che alla vasta produzione saggistico-letteraria, alle drammatiche vicende esistenz⋯