Non scrivo per voi

Non scrivo per voi che vi prendete per giudici
appena vi si pone delle domande inattese.
Voi i rassegnati del pessimismo dell’ultima ora
voi che non amate niente come l’isolazionismo
voi che confondete la scrittura, la pittura e l’assolo,
quando la rete mondiale occupa già
tutta la superficie del vostro piccolo cervello.
Né per voi, ultimi nostalgici del gregge,
col vostro risentimento incessante,
voi i nemici di tutto ciò che è straniero,
voi che non detestate niente come le facies,
i magrebini e i nostri padri d’Africa
che non avete vergogna d’ignorare Cravan,
Vossnessenski, Ginsberg et Degenhardt,
perché hanno spezzato il loro cerchio,
no, non è per voi che scrivo.

Non scrivo per voi adepti di tutte le pubblicità
con la vostra incultura da compact disc
voi che trattate le donne da sciocche e
piagnucolate come bambini quando vi mollano.
Voi e il vostro disprezzo di tutte le rivoluzioni che non avete fatto,
come se la perdita di ogni libertà fosse il vostro solo viatico.
E nemmeno per voi che rispondete con gli insulti
a coloro che disturbano i vostri commerci.

Voi gli avidi mercanti dal Tempio, che non amate niente
come il portafoglio e i telegiornali, i cliché di tutti i supermercati,
il vostro disgusto di voi stessi e i vostri
espedienti per sopravvivere senza utopia,
la vostra società senza società e i vostri tappeti antiscivolo.
No, non è per voi che scrivo.

Scrivo per voi che aprite la strada dalla Grecia alla Cina
e fate guerra alla stupidità nazionale fin nel vostro rifugio.
Diventerete gli architetti del looping
sotto i fili d’acciaio di tutte le istituzioni.
Per voi che ingranate la marcia del pensiero
nella vostra auto in piena notte.
Per voi che defenestrate i vostri fantasmi, che suicidate
ogni disperazione attraverso il lucernario della memoria
e sognate ogni giorno di incontri, di viaggi trasversali
e di altri modi di farsi vedere.
Sì. Per voi che lanciate aghi di bussola
tra le vostre finestre e la porta d’ingresso degli altri,
tra l’Egitto dei Fatimidi, Granada, tutti gli esili e le isole,
per voi che disertate il Tempio dove il giovane Gesù
non riapparirà, finché l’Occidente si drappeggerà
nel suo razzismo di vecchio stampo,
finché Isabella e Ferdinando saranno i cromosomi dell’egoismo.
Per voi che tracciate linee intermedie, a metà strada tra
movimento del punto e effetto di piano;
per voi il cui solo documento d’identità è la carta del cielo.
È per voi che deploro tutto ciò che non riesco a scrivere.


Crediti
 • Alain Jouffroy •
 • Per chi scrivo una poesia •
 • Pinterest •   •  •

Similari
Anna Akhmatova ⋯ A molti
42% Anna AchmatovaPoesie
Io sono la vostra voce, il calore del vostro fiato, il riflesso del vostro volto, i vani palpiti di vane ali… fa lo stesso, sino alla fine io sto con voi. Ecco perché amate così cupidi me, nel mio peccato e nel mio male, perché affidaste a me ciecamente⋯
Don Juan MatusTutte le strade sono eguali
29% Carlos CastanedaPoesie
Ogni strada è soltanto una tra un milione di strade possibili. Perciò dovete sempre tener presente che una via è soltanto una via. Se sentite di non doverla seguire, non siete obbligati a farlo in nessun caso. Ogni via è soltanto una via. Non è un affront⋯
 ⋯ Scrivo in mezzo
29% Fernando PessoaPoesie
Dicon che fingo o mento quanto io scrivo. No: semplicemente sento con l’immaginazione, non uso il sentimento. Quanto traverso o sogno, quanto finisce o manco è come una terrazza che dà su un’altra cosa. É questa cosa che è bella. Così, scrivo in mezzo a q⋯
 ⋯ Poesia Malawi
29% Jack MapanjePoesie
Avevo fame e voi avete fondato un club a scopo umanitario e avete discusso della mia fame. Ve ne ringrazio. Ero in prigione e voi siete entrati furtivamente in chiesa a pregare per la mia liberazione. Ve ne ringrazio. Ero nudo e voi avete esaminato seriam⋯
 ⋯ Per non dimenticare
29% PoesiePrimo Levi
Voi che vivete sicuri Nelle vostre tiepide case, Voi che trovate tornando a sera Il cibo caldo e visi amici: Considerate se questo è un uomo Che lavora nel fango Che non conosce pace Che lotta per un pezzo di pane Che muore per un si o per un no. Consider⋯
 ⋯ Le donne della mia generazione
26% Luis SepúlvedaPoesie
Le donne della mia generazione aprirono i loro petali ribelli non di rose, camelie, orchidee o altre piante di salottini tristi, di casette borghesi, di usanze stantie, ma di erbe pellegrine al vento. Perché le donne della mia generazione fiorirono per st⋯