Blonde, vorgebeugt mit schwarzen Strüpfen
Perché allora è morto Cristo, a che mi serve la sua morte, che aiuto può darmi, dal momento che proprio loro dicono le preghiere ogni mattina, ogni domenica fanno la comunione, tengono grandi crocifissi appesi nelle loro cucine, sopra le tavole, dove mangiano le patate con la salsa, le braciole, o i crauti con la pancetta? Non serve a nulla. Che vale tutto questo se ogni giorno mi picchiano e stanno in agguato? Gente che da cinque, seicento anni, forse da mille – perché andavano orgogliosi persino dell’antichità della loro chiesa – seppelliva i suoi morti nel camposanto; da mille anni pregava e, sotto il crocifisso, mangiava patate con la salsa e crauti con la pancetta. Allora, perché? E sa quello che mi gridavano mentre mi picchiavano? Agnello di Dio. Era il mio soprannome.

Crediti
 Heinrich Böll
 Biliardo alle nove e mezzo
 SchieleArt •  Blonde, vorgebeugt mit schwarzen Strüpfen • 1912




Quotes per Heinrich Böll

Per un professionista non c'è modo migliore di mimetizzarsi che mescolarsi ai dilettanti.

C'è una bella parola: niente. Non pensare a niente. Non al Kanzler né al Katholon, pensa al clown che piange nella vasca da bagno, mentre il caffè gli gocciola sulle pantofole.

La gente ricca riceve molti più regali di quella povera; e quello che deve proprio comprare, lo ha sempre molto più a buon prezzo.

Solo che io non sono affetto soltanto da malinconia, mal di testa, indolenza e dalla mistica facoltà di sentire gli odori per telefono. Il più terribile dei miei mali è la predisposizione alla monogamia; c'è una sola donna con cui posso fare tutto quello che gli uomini fanno con le donne: Maria. E da quando lei se n'è andata, vivo come dovrebbe vivere un monaco, con la differenza che io non sono un monaco.

Quando arrivò la notizia della morte di Henriette, in casa nostra si stava giusto apparecchiando la tavola.La mamma fece realmente un tentativo per mangiare, questo voleva significare: la vita continua, o qualcosa del genere, ma io lo sapevo benissimo: non è la vita che continua, è la morte.