Anthropométrie de l'Époque bleue
Non m’importunare col tuo amore del prossimo! — Penetra pure, o amico dell’uomo, nelle “tane del vizio”, soggiorna un tratto in mezzo al rumore di una grande città: non troverai tu forse in ogni luogo peccati senza fine? Non piangerai tu sulla corruzione umana, sull’infinito egoismo? Potrai tu mirare un ricco senza trovarlo spietato ed “egoista”? Sarai tentato di tuo amore del prossimo! Nella tua testa tu porti impressa l’idea del peccato, e perciò tu l’hai ritrovato in ogni luogo e l’hai voluto scorgere in ogni persona. Non chiamar peccatori gli uomini, ed essi non saranno tali: tu, tu solo, crei i peccati: e tu che credi falsamente d’amare gli uomini, tu li rigetti nel fango del peccato, tu li
distingui in viziosi e virtuosi, in umani e disumani; tu, proprio tu, li insudici con la bava della tua ossessione. Poiché tu non ami gli uomini, bensì l’uomo. Ma io ti dico che tu non hai mai veduto un peccatore: l’hai soltanto sognato.
Il godimento di me stesso viene turbato dall’idea che io ho di dover servire ad un altro, di aver degli obblighi verso quest’altro, di esser “chiamato” a sacrificarmi a lui, a dimostrargli
abnegazione o entusiasmo. Ebbene, se io non sono più servo di nessuna idea, di nessun “ente supremo”, è ovvio che io non sarò più servo di alcun uomo, ma tutt’al più di me stesso. In tal modo però io sono, non soltanto nel fatto, ma anche nella mia coscienza, l’unico.
A te spettano ben maggiori cose che non siano Dio, l’umano, ecc.: a te spetta quello che è tuo.
Se considererai te stesso per più potente degli altri, tu accrescerai la tua forza: se terrai te
stesso in maggior conto di quello che gli altri non t’abbiano, tu avrai anche di più.
Allora tu non sarai solamente chiamato alle cose divine, e autorizzato alle umane, ma sarai il padrone di ciò ch’è tuo, vale a dire di tutto ciò che avrai la forza di far tuo. Sarai cioè adatto ad ogni cosa tua.
Mi si volle fin qui attribuire una destinazione posta fuori di me stesso, sicché si finì col pretender da me che io godessi di ciò che è umano per questo solo motivo che io sono uomo.
Questo è il circolo magico dei cristiani. Anche l’io di Fichte è la medesima astrazione posta fuori di me, poiché l’io è di tutti, e se quest’io di tutti è il solo che ha dei diritti, esso diventa l’io universale. Ma io non sono un io fra tanti altri: io sono unico! E per ciò anche i miei bisogni, le mie azioni, in breve tutto ciò che è in me, e viene da me è unico. E soltanto sotto questo aspetto di unico io m’approprio ogni cosa a quel modo che solamente come tale io spiego la mia attività e mi svolgo liberamente.
Quest’è il senso dell’unico.

Crediti
 • Max Stirner •
 • Pinterest •  Anthropométrie de l'Époque bleue •  •

Similari
Il caso Nietzsche
918% ArticoliFilosofiaGianni Vattimo
Nietzsche, accompagnato dalla sua cattiva reputazione di pensatore dei nazisti, fu poi riconsiderato, agli inizi degli anni ’60 del ventesimo secolo, da quel movimento che prese il nome: Nietzsche-Renaissance o il rinascimento nietzscheano, e soprattutto ⋯
Un nuovo chiarimento della questione “Nietzsche e Stirner”
491% ArticoliBernd A. LaskaFilosofia
Da giovane ho incontrato una pericolosa divinità e non vorrei raccontare a nessuno ciò che allora ho provato — tanto di buono quanto di cattivo. Così ho imparato a tacere, come pure che bisogna imparare a parlare, per ben tacere, che un uomo che vuole te⋯
Sapere di non essere
455% IneditiSergio Parilli
Ho rivisto finalmente a Julián. Veniva da altri mondi non sconosciuti per lui, visto che è riuscito a tornare senza bussola. Non era tenuto a tornare, anche perché se stava bene dove era arrivato poteva restarci in eterno, visto che era previsto un viaggi⋯
Il mercantile
331% IneditiSergio Parilli
Magari è troppo presto, ma i sognatori, hanno sempre lo sguardo perso, sicuramente piacevole nei loro pensieri e sorridono… ma, anche se sono solo due righe con due soli sostantivi, l’emozione è sempre la stessa per il poeta. Siamo nel periodo di un’attra⋯
Il Codice di Hammurabi
300% ArticoliStorieWikipedia
Quando Anu il Sublime, Re dell’Anunaki, e Bel, il signore di Cielo e terra, che stabilirono la sorte del paese, assegnarono a Marduk, il pantocratore figlio di Ea, Dio della giustizia, il dominio su ogni uomo sulla faccia della terra, e lo resero grande f⋯