Nun ci se’ più
L’amore è questo quando che s’è stracchi mi si chiudono l’occhi
e ‘l sonno è la dimane come a volte
si torna ‘ndietro indove s’era stati ch’isso’
forse viventi e trovi ‘ncorniciate
gialle fotografie de la svanita
quasi persona ‘nsottoscritta stenta de imminome
‘Magini gialle stanno e iccome stanno
e tu le fissi che nun ci sè più.

Crediti
 • Carmelo Bene •
 • Pinterest •   •  •

Similari
Tranquillo Cremona ⋯ Voi m’incalzate!
46% Johann Wolfgang GoethePoesie
Vi avvicinate ancora, ondeggianti figure apparse in gioventù allo sguardo offuscato. Tenterò questa volta di non farvi svanire? Sento ancora il mio cuore incline a quegli errori? Voi m’incalzate! E sia, vi lascerò salire accanto a me dal velo di nebbia e ⋯
 ⋯ Kiyo Murakami ⋯ Vorrei sapere…
36% Joyce LussuPoesie
Vorrei sapere quando ti ho perso in quale data in che momento forse quel martedì ch’ero triste o un mese prima d’averti visto forse quella domenica pomeriggio ch’ero allegra e parlavo troppo di me forse in una data remota inesplicabile e ignota come il tr⋯
 ⋯ I poveri si erano venduti
23% Ascanio CelestiniPoesie
I poveri erano così tanto poveri che presero la loro fame e la misero in bottiglia e se la andarono a vendere. Se la comprarono i ricchi, i ricchi che nella vita avevano mangiato di tutto, dal caviale ripieno all’ossobuco di culo di cane allo spiedo. Però⋯
 ⋯ Schopenhauer piange
23% Adam ZagajewskiPoesie
Sì, è proprio quello Schopenhauer (1788 – 1860), l’autore de il mondo come volontà e rappresentazione, lo scopritore degli inganni della natura e della musica delle sfere. Qualcuno poi lo definì un educatore. Nulla è successo, poiché nulla succede; solo u⋯
Egon Schiele ⋯ Girotondo in tutto il mondo
22% Gianni RodariPoesieSchiele Art
Filastrocca per tutti i bambini, per gli italiani e per gli abissini, per i russi e per gli inglesi, gli americani ed i francesi; per quelli neri come il carbone, per quelli rossi come il mattone; per quelli gialli che stanno in Cina dove è sera se qui è ⋯
Egon Schiele ⋯ Vicino alla scogliera
21% PoesieRoberto BolañoSchiele Art
In alberghi che somigliavano a organismi viventi. In alberghi come l’interno di un cane da laboratorio. Affondati nella cenere. Il tipo che, seminudo, suonava in continuazione la stessa canzone. E una donna, la proiezione olografica di una donna, usciva s⋯