Gustave Doré ⋯ Chiusura della crocifissione
O insensata cura dè mortali,
quanto son difettivi silogismi
quei che ti fanno in basso batter l’ali!
Chi dietro a iura e chi ad amforismi
sen giva, e chi seguendo sacerdozio,
e chi regnar per forza o per sofismi,
e chi rubare e chi civil negozio,
chi nel diletto de la carne involto
s’affaticava e chi si dava a l’ozio,
quando, da tutte queste cose sciolto,
con Bëatrice m’era suso in cielo
cotanto glorïosamente accolto.

Crediti
 • Dante Alighieri •
 • Pinterest • Gustave Doré Chiusura della crocifissione • The Dore Gallery of Bible Illustrations •

Similari
Gustave Doré ⋯ Gesù guarisce i malatiCome ‘l ramarro sotto la gran fersa
38% Dante AlighieriDoré GalleryPoesie
Come ‘l ramarro sotto la gran fersa dei dì canicular, cangiando sepe, folgore par se la via attraversa, sì pareva, venendo verso l’epe de li altri due, un serpentello acceso, livido e nero come gran di pepe; e quella parte onde prima è preso nostro alimen⋯
Egon Schiele ⋯ Il verme
35% PoesieRoberto BolañoSchiele Art
Rendiamo grazie per la nostra povertà, disse il tipo vestito di stracci. Lo vidi con quest’occhio: vagava per un paese di case piatte, fatte di cemento e mattoni, fra Messico e Stati Uniti. Rendiamo grazie per la nostra violenza, disse, anche se sterile c⋯
Gustave Doré ⋯ Gesù e il denaro tributoQuando vivea più glorïoso
34% Dante AlighieriDoré GalleryPoesie
“Quando vivea più glorïoso”, disse, “liberamente nel Campo di Siena, ogne vergogna diposta, s’affisse.
Gustave Doré ⋯ Lazzaro e il riccoQuando leggemmo il disïato riso
31% Dante AlighieriDoré GalleryPoesie
Quando leggemmo il disïato riso esser basciato da cotanto amante, questi, che mai da me non fia diviso, la bocca mi basciò tutto tremante. Galeotto fu ‘l libro e chi lo scrisse: quel giorno più non vi leggemmo avante”.
Gustave Doré ⋯ Paolo a EfesoE qual è quei che disvuol ciò che volle
30% Dante AlighieriDoré GalleryPoesie
E qual è quei che disvuol ciò che volle e per novi pensier cangia proposta, sì che dal cominciar tutto si tolle, tal mi fec’ïo ‘n quella oscura costa, perché, pensando, consumai la ‘mpresa che fu nel cominciar cotanto tosta.
 ⋯ I poveri si erano venduti
20% Ascanio CelestiniPoesie
I poveri erano così tanto poveri che presero la loro fame e la misero in bottiglia e se la andarono a vendere. Se la comprarono i ricchi, i ricchi che nella vita avevano mangiato di tutto, dal caviale ripieno all’ossobuco di culo di cane allo spiedo. Però⋯