Obbedire alle proprie inclinazioni
«Credere, obbedire, combattere» è uno slogan che poteva – e potrebbe – andar bene per un popolo di pecoroni (come ha ampiamente dimostrato di essere quello italiano), non certo per degli spiriti non dico liberi, ma quantomeno attenti. Tuttavia anche questi, volendo, potrebbero trarre insegnamento da questo vecchio motto se inteso in senso contrario alle ragioni per le quali fu coniato: credere in sé stessi (e non a un duce); obbedire alle proprie inclinazioni (e non a qualcuno o a un qualcosa di superiore); combattere contro chiunque voglia limitare la nostra libertà (e non per la patria, per un ideale o, peggio ancora, per un’ideologia).

 
Crediti
 • Giovanni Soriano
 • Malomondo
 • SchieleArt •   • 

Similari

 ⋯ Il caso Nietzsche
672%  •  ArticoliFilosofiaGianni Vattimo
Nietzsche, accompagnato dalla sua cattiva reputazione di pensatore dei nazisti, fu poi riconsiderato, agli inizi degli anni ’60 del ventesimo secolo, da quel movimento che prese il nome: Nietzsche-Renaissance o il rinascimento nietzscheano, e soprattutto ⋯


 ⋯ L’onore
324%  •  Arthur SchopenhauerFilosofia
La discussione sull’onore sarà molto più difficile e molto più lunga di quella sul grado. Prima di tutto dovremo definirlo. Se a tal uopo dicessi: «L’onore è la coscienza esterna, e la coscienza è l’onore interno», la definizione potrebbe forse piacere a ⋯


 ⋯ Sapere di non essere
311%  •  IneditiSergio Parilli
Ho rivisto finalmente a Julián. Veniva da altri mondi non sconosciuti per lui, visto che è riuscito a tornare senza bussola. Non era tenuto a tornare, anche perché se stava bene dove era arrivato poteva restarci in eterno, visto che era previsto un viaggi⋯


Gustave Doré ⋯ Elia distrugge i messaggeri di AhaziaCirca la nostra condotta verso noi stessi
289%  •  Arthur SchopenhauerDoré GalleryFilosofia
4.° Il manovale che aiuta a fabbricare un edifizio, non ne conosce il progetto, o non l’ha sempre sotto gli occhi; tale è pure la posizione dell’uomo mentre è occupato a dividere uno per uno i giorni e le ore della sua esistenza in rapporto all’insieme de⋯


Jean-Michel Basquiat ⋯Nemici del popolo
286%  •  ArticoliAutori VariSocietà
Una delle tante ridicole credenze degli sventurati è che le loro miserie debbano necessariamente suscitare simpatia. Questa è davvero la più tenace delle loro convinzioni. Non è mai troppo sbagliato dimostrare, nel loro stesso interesse, fino a che punto ⋯


Renato Guttuso ⋯ LL’anno della rivoluzione
268%  •  Maurice Rapport
Sotto un livido cielo di gennaio, un convoglio di slitte trainate da cavalli avanzava lasciando le sue scie in una pianura imbiancata di neve. La processione si fermò a una sbarra, e i passaporti dei passeggeri vennero esaminati da un sergente; un vecchio⋯