Ogni volontà è volontà di qualche cosa
La pianta sviluppa in via ascensionale la sua manifestazione dalla gemma, dal tronco e dalle foglie, sino al fiore e al frutto: il frutto a sua volta è principio di una nuova gemma, di un nuovo individuo, destinato a ripercorrere la vecchia via, e così per un tempo infinito. Identico è il corso di vita dell’animale: la procreazione è il suo culmine: raggiunto questo fine, la vita del primo individuo si estingue più o meno rapidamente, mentre un essere nuovo garantisce alla natura la conservazione della specie e ricomincia lo stesso fenomeno. […] Di tal natura sono infine gli sforzi e i desideri umani, che ci illudono facendoci brillare innanzi la loro realizzazione come meta ultima del volere; ma non appena soddisfatti, cambiano fisionomia; dimenticati, o relegati tra le anticaglie, vengono accantonati come illusioni svanite. Fortunato abbastanza colui al quale resti ancora da accarezzare qualche desiderio, qualche aspirazione: potrà continuare il perpetuo passaggio dal desiderio all’appagamento e dall’appagamento al desiderio, gioco che lo renderà felice se il passaggio è rapido, infelice se lento; se non altro non cadrà in quella paralizzante stasi che è sorgente di stagnante e terribile noia, di desideri vaghi, senza oggetto preciso, e di languor mortale. In conclusione: la volontà, quando la conoscenza la illumina, sa sempre ciò che vuole «qui» e «ora», ma non sa mai ciò che vuole in generale. Ogni atto singolo ha uno scopo, la volontà nel suo insieme non ne ha nessuno.

Crediti
 • Arthur Schopenhauer •
 • SchieleArt •   •  •

Similari
 ⋯ Il caso Nietzsche
539% ArticoliFilosofiaGianni Vattimo
Nietzsche, accompagnato dalla sua cattiva reputazione di pensatore dei nazisti, fu poi riconsiderato, agli inizi degli anni ’60 del ventesimo secolo, da quel movimento che prese il nome: Nietzsche-Renaissance o il rinascimento nietzscheano, e soprattutto ⋯
Friedrich NietzscheUn nuovo chiarimento della questione “Nietzsche e Stirner”
174% ArticoliBernd A. LaskaFilosofia
Da giovane ho incontrato una pericolosa divinità e non vorrei raccontare a nessuno ciò che allora ho provato — tanto di buono quanto di cattivo. Così ho imparato a tacere, come pure che bisogna imparare a parlare, per ben tacere, che un uomo che vuole te⋯
 ⋯ Arricchire la visione del mondo
109% Adolfo Vásquez RoccaArticoliFilosofia
Negli studi di Derrida e di Ricoeur intorno alla metafora e all’interpretazione, appena si cita Nietzsche, tutto quanto si pensa, si pensa partendo da lui. L’influenza che il pensiero di questo filosofo ha prodotto nella mentalità dell’Occidente è così gr⋯
 ⋯ C’era una volta un astro
99% ArticoliFilosofiaFriedrich Nietzsche
In un angolo remoto dell’universo scintillante e diffuso attraverso infiniti sistemi solari c’era una volta un astro, su cui animali intelligenti scoprirono la conoscenza. Fu il minuto più tracotante e più menzognero della «storia del mondo»: ma tutto ciò⋯
Elliott Erwitt ⋯ Il tempo e le sue_nostre concezioni
89% ArticoliFilosofiaTommaso Giordani
Interrogarsi sulla natura del tempo, cercando di darne una spiegazione razionale in rapporto alla storia e, perché no, alla nostra quotidianità, è molto complicato. Sebbene la concezione del tempo sia andata trasformandosi nel corso della storia in modo f⋯
Egon Schiele ⋯ SunflowerL’essenza del testo
78% ArticoliElena CarusoLinguaggioSchiele Art
Barthes attraverso Il piacere del testo analizza le ragioni che spingono il lettore ad avvicinarsi ad un testo con un atteggiamento cannibalesco, quasi ne volesse divorare il tessuto, l’essenza. Cosa spinge il lettore a leggere fino a farsi del male! Fino⋯