Egon Schiele ⋯
Dove ebbe inizio qualcosa di grande, l’unico mondo gli divenne simile: Dio era privo di tutto. Io corsi là, lo sentii, lo fiutai. Così Tu sei -, orecchio, vento, bocca, così è per Te ciò che è forma. Oh! Sibila Circe urlante, spalanca le tue gambe. La tempesta si lamenta e grida. Grida, Tu, grida! Privo di tutto, senza lotta, così accarezza l’aria. Erigi montagne, porta subito maligni cespugli.

Crediti
 • Anonimo •
 • SchieleArt •   •  •

Similari
Sapere di non essere
278% IneditiSergio Parilli
Ho rivisto finalmente a Julián. Veniva da altri mondi non sconosciuti per lui, visto che è riuscito a tornare senza bussola. Non era tenuto a tornare, anche perché se stava bene dove era arrivato poteva restarci in eterno, visto che era previsto un viaggi⋯
Il mercantile
266% IneditiSergio Parilli
Magari è troppo presto, ma i sognatori, hanno sempre lo sguardo perso, sicuramente piacevole nei loro pensieri e sorridono… ma, anche se sono solo due righe con due soli sostantivi, l’emozione è sempre la stessa per il poeta. Siamo nel periodo di un’attra⋯
Il caso Nietzsche
198% ArticoliFilosofiaGianni Vattimo
Nietzsche, accompagnato dalla sua cattiva reputazione di pensatore dei nazisti, fu poi riconsiderato, agli inizi degli anni ’60 del ventesimo secolo, da quel movimento che prese il nome: Nietzsche-Renaissance o il rinascimento nietzscheano, e soprattutto ⋯
L’Annunciatore della Tempesta
155% Massimo GorkiSocietà
Le nubi si addensano sulla grigia distesa dall’acqua. Fra i flutti e le nubi, simile al baleno, aleggia il fiero Annunciatore della Tempesta. Vola e con un’ala sfiora le onde, mentre con l’altra squarcia le nubi. Grida, e le nubi ascoltano giubilanti le g⋯
Racconto Azzurro
117% ArticoliMarguerite YourcenarRacconti
I mercanti venuti dall’Europa erano seduti sul ponte, davanti al mare blu nell’ombra color indaco delle vele ampiamente rappezzate di grigio. Il sole cambiava senza posa di posto tra i cordami e il rullio lo faceva saltar via come una palla da una rete co⋯