⋯La bellezza dell’opera di Carol, per me sconosciuta, inconsueta e controversa, risiede nella sua assoluta originalità, nell’impossibilita’ di poterla collocare all’interno di qualsivoglia panorama o corrente artistica. Carol Rama è fuori dagli schemi e dal Coro.
Nasce a Torino il 17 aprile 1918 in un piccolo caseggiato di Via Napione su Po, il cui salotto diverrà casa museo e atelier domestico, in cui transiteranno personaggi di rilievo del fermento culturale post bellico, come Pavese, Calvino, Manganelli, Edoardo Sanguineti, l’amico che le resterà sempre fedele, Casorati che, tra i primi, ne riconoscerà il talento e lo stile sregolato, senza educazione accademica. Talento che le verrà riconosciuto solo in tarda età.
Esordisce nel 1946 con una serie di acquarelli e una mostra che non solo scandalizzerà la borghesia sabauda perbenista del tempo, ma che le costerà una lettera di scomunica dalla Santa Sede. Precorritrice delle tendenze d’avanguardia europee, la PopArt di Andy Warhol e del dadaismo di Man Ray e Duchamp.

 ⋯Viscerale. Introspettiva. Insieme donna e bambina, puttana e santa, assoluta, nell’espressione animistica di un tempo interiore che non conosce tempo. Polimorfa perversa, in un erotismo evidente, di una sessualità infantile, in un puro piacere disordinato, che coinvolge tutti i sensi sino a non distinguersi più, oscillando tra femminile e maschile, amalgamando i tratti e in un nuovo concetto più esteso di Identità. Scandalosamente piacevole. Oscena nel dipingere e nel dar volto non solo all’eros dei sessi femminili e maschili mostrati in primo piano, ma anche alla sgomenta sofferenza dovuta al suicidio del padre e ai disturbi nervosi della madre. Temi sempre trascinanti nella sua pittura come visibili “ferite”, o feritoie espressive da cui fuoriuscire, volare via.
La minuziosità dei particolari e nei dettagli: piccoli occhi plastificati inseriti nelle tele che non guardano ma scrutano dentro. Dalle protesi inquietanti, all’utilizzo di gomme da pneumatici e di camere d’aria di biciclette, il cui odore esce dalle opere e racconta una storia vissuta e che si racconta da sé: il padre, piccolo industriale di automobili e biciclette, che fallirà, cadendo in rovina.
 ⋯Perciò, se vi capita, la prossima volta, come me, munitevi di biglietto, andatela a conoscere, a vedere, Carol, vedetela! Donna dalla chioma leonina, autentica signora dell’arte, che se n’è sbattuta di mode, ideologie e generi, irriverente, ribelle, sguaiata, provocatoria, irritante nel rammentarci la sua, e nostra, solitudine affettiva – disarmata e disarmante. Un’artista da amare.

carol2 carol4 carol5


Crediti
 • Eva Gili Tos •
 • Olga Carolina Rama •
  • in arte CarolRama •
 • Pinterest •   •  •

Similari
La scrittura delle donne
603% ArticoliCixous HélèneSocietà
Héléne Cixous rilegge il saggio di Freud sulla Testa di Medusa per rivendicare il potere dell’écriture feminine, della scrittura femminile. Da terrificante e mostruosa, Medusa si trasforma in una figura sorridente e sovversiva in grado di destabilizzare l⋯
Il Codice di Hammurabi
354% ArticoliStorieWikipedia
Quando Anu il Sublime, Re dell’Anunaki, e Bel, il signore di Cielo e terra, che stabilirono la sorte del paese, assegnarono a Marduk, il pantocratore figlio di Ea, Dio della giustizia, il dominio su ogni uomo sulla faccia della terra, e lo resero grande f⋯
Il caso Nietzsche
300% ArticoliFilosofiaGianni Vattimo
Nietzsche, accompagnato dalla sua cattiva reputazione di pensatore dei nazisti, fu poi riconsiderato, agli inizi degli anni ’60 del ventesimo secolo, da quel movimento che prese il nome: Nietzsche-Renaissance o il rinascimento nietzscheano, e soprattutto ⋯
Sapere di non essere
227% IneditiSergio Parilli
Ho rivisto finalmente a Julián. Veniva da altri mondi non sconosciuti per lui, visto che è riuscito a tornare senza bussola. Non era tenuto a tornare, anche perché se stava bene dove era arrivato poteva restarci in eterno, visto che era previsto un viaggi⋯
Il mercantile
205% IneditiSergio Parilli
Magari è troppo presto, ma i sognatori, hanno sempre lo sguardo perso, sicuramente piacevole nei loro pensieri e sorridono… ma, anche se sono solo due righe con due soli sostantivi, l’emozione è sempre la stessa per il poeta. Siamo nel periodo di un’attra⋯