⋯La bellezza dell’opera di Carol, per me sconosciuta, inconsueta e controversa, risiede nella sua assoluta originalità, nell’impossibilità di poterla collocare all’interno di qualsivoglia panorama o corrente artistica. Carol Rama è fuori dagli schemi e dal Coro.
Nasce a Torino il 17 aprile 1918 in un piccolo caseggiato di Via Napione su Po, il cui salotto diverrà casa museo e atelier domestico, in cui transiteranno personaggi di rilievo del fermento culturale post bellico, come Pavese, Calvino, Manganelli, Edoardo Sanguineti, l’amico che le resterà sempre fedele, Casorati che, tra i primi, ne riconoscerà il talento e lo stile sregolato, senza educazione accademica. Talento che le verrà riconosciuto solo in tarda età.
Esordisce nel 1946 con una serie di acquarelli e una mostra che non solo scandalizzerà la borghesia sabauda perbenista del tempo, ma che le costerà una lettera di scomunica dalla Santa Sede. Precorritrice delle tendenze d’avanguardia europee, la PopArt di Andy Warhol e del dadaismo di Man Ray e Duchamp.

 ⋯Viscerale. Introspettiva. Insieme donna e bambina, puttana e santa, assoluta, nell’espressione animistica di un tempo interiore che non conosce tempo. Polimorfa perversa, in un erotismo evidente, di una sessualità infantile, in un puro piacere disordinato, che coinvolge tutti i sensi sino a non distinguersi più, oscillando tra femminile e maschile, amalgamando i tratti e in un nuovo concetto più esteso di Identità. Scandalosamente piacevole. Oscena nel dipingere e nel dar volto non solo all’eros dei sessi femminili e maschili mostrati in primo piano, ma anche alla sgomenta sofferenza dovuta al suicidio del padre e ai disturbi nervosi della madre. Temi sempre trascinanti nella sua pittura come visibili “ferite“, o feritoie espressive da cui fuoriuscire, volare via.
La minuziosità dei particolari e nei dettagli: piccoli occhi plastificati inseriti nelle tele che non guardano ma scrutano dentro. Dalle protesi inquietanti, all’utilizzo di gomme da pneumatici e di camere d’aria di biciclette, il cui odore esce dalle opere e racconta una storia vissuta e che si racconta da sé: il padre, piccolo industriale di automobili e biciclette, che fallirà, cadendo in rovina.
 ⋯Perciò, se vi capita, la prossima volta, come me, munitevi di biglietto, andatela a conoscere, a vedere, Carol, vedetela! Donna dalla chioma leonina, autentica signora dell’arte, che se n’è sbattuta di mode, ideologie e generi, irriverente, ribelle, sguaiata, provocatoria, irritante nel rammentarci la sua, e nostra, solitudine affettiva – disarmata e disarmante. Un’artista da amare.

carol2 carol4 carol5


Crediti
 • Eva Gili Tos •
 • Olga Carolina Rama •
  • in arte CarolRama •
 • Pinterest •   •  •

Similari
Egon Schiele ⋯ L’anima felina di Leonor Fini
35% Eva Gili Tos
Se “donna è gatta”, come diceva Baudelaire, Leonor Fini nata il 30 agosto 1907 a Buenos Aires da padre argentino e madre triestina, pittrice autodidatta, scrittrice e illustratrice, di sicuro gatta lo era. Gatta dall’incedere inconsueto e regale. Corpo sin⋯
 ⋯ Il mondo secondo Nietzsche
30% Luis Enrique de SantiagoRecensioni
Il libro di Pavel Kouba, professore di filosofia presso l’Università Carolina di Praga, si dedica allo studio della fenomenologia e all’opera di Husserl e Heidegger; tratta l’impatto del pensiero di Nietzsche nella filosofia moderna, dedicando una special⋯
Claude CahunClaude Cahun: uno, nessuno e centomila gender
27% Eva Gili TosSingoli
 Uno, due, tre: gender! Maschile, femminile, neutro? Si fa presto a domandare se tu sia uomo o donna e quale sia il tuo orientamento sessuale. Ma Lucy Renée Mathilde Schwob, per sfuggire all’impertinenza della domanda, all’equivoco, provocatoriamente lo c⋯
 ⋯ Sui ‘Demoni’ di Dostoevskij
25% RecensioniSimone Germini
Le ventitré circa. Seduto su di una panchina di legno, in una piccola piazza fatiscente e deserta, fantastico sull’arrivo di una miracolosa fanciulla. Eccola giungere, materializzarsi all’improvviso. Si siede sulla panchina accanto alla mia, ed apre un li⋯
 ⋯ Le lacrime di Nietzsche
14% Anna Maria TocchettoRecensioni
“Le lacrime di Nietzsche” opera dell’autore, Irvin Yalom – psichiatra e scrittore – che inscena il fantomatico incontro tra Friedrich Nietzsche e Joseph Breuer; l’inizio di quello che sarà un rapporto, che da professionale diventa intimo, sul filo di un d⋯
 ⋯ L’Immortalità
14% Anna Maria TocchettoRecensioni
Sarà un romanzo dentro il romanzo e la storia più erotica che abbia mai scritto. Lo scrittore è uomo di parola in ogni senso e con questa ci avvolge, ci scompone in mille pezzi per ricomporci in tutti i possibili “altrove” e ritorniamo vivi in quel gesto,⋯