Reclining Boy - Erich Lederer

II terzo segno dal quale si riconoscono le false scienze generate dall’idealismo è il bisogno che esse hanno di “fondare” i loro oggetti. In effetti, queste scienze non sono mai sicure che i loro oggetti esistano davvero. Per il realista, il cui pensiero è rivolto all’essere, il Bene, il Vero e il Bello sono a pieno diritto reali, perché sono l’essere stesso voluto, conosciuto ed ammirato. A partire però dal momento in cui il pensiero si sostituisce alla conoscenza, questi trascendentali cominciano a galleggiare nel vuoto, senza sapere su che cosa posarsi. Ecco perché l’idealismo trascorre il suo tempo a “fondare” la morale, la conoscenza e l’arte, come se quello che l’uomo deve fare non fosse già inscritto nella sua natura: il modo di conoscere, in effetti, è già inscritto nella struttura stessa del nostro intelletto, così come l’arte è già inscritta nell’attività pratica dell’artista stesso. Il realista non ha mai nulla da fondare, ma ha sempre da scoprire i fondamenti delle sue operazioni, ed è nella natura delle cose che egli li trova: «operatio sequitur esse».

Crediti
 • Étienne Gilson •
 • Vademecum del realista principiante •
  • a cura di Antonio Livi e Maria Antonietta Mendosa •
 • SchieleArt •  Reclining Boy - Erich Lederer • Leopold Museum, Vienna •

Similari
⋯ Niklaus Manuel ⋯Il termine “pensiero”
123% Étienne GilsonFilosofia
Occorre poi usare con cautela il termine “pensiero”. In effetti, la differenza più grande tra il realista e l’idealista e che l’idealista pensa, mentre il realista conosce. Per il realista “pensare” vuol dire solamente organizzare delle conoscenze o rifle⋯
Egon Schiele ⋯ Stillende mutterIntelligenza critica
114% Étienne GilsonSchiele Art
Il realista dovrà dunque sostenere sempre, contro l’idealista, che a ogni dimensione della realtà deve corrispondere un determinato approccio e una determinata ermeneutica. Solo allora il realista, essendosi rifiutato di legarsi a una critica preliminare ⋯
Egon Schiele ⋯ L’«io penso»
94% Étienne GilsonSchiele Art
Nulla dunque vieta al realista di passare, per via di analisi riflessiva, dall’oggetto presente nella conoscenza all’intelletto, e poi dall’intelletto al soggetto conoscente. È pacifico che questo è l’unico metodo a sua disposizione per sapere qualcosa ci⋯
Realismo e idealismo, copertina di Elaine Lustig e Scott LindbergVademecum del realista principiante
78% Étienne GilsonFilosofia
La più grande differenza tra il realista e l’idealista è che l’idealista pensa e che il realista conosce. Per il realista, pensare è soltanto ordinare delle conoscenze o riflettere sul loro contenuto; giammai avrebbe l’idea di fare del pensiero il punto d⋯
Egon Schiele ⋯ L’intelletto e realtà conosciuta
73% Étienne GilsonSchiele Art
La conoscenza di cui parla il realista è l’unione vissuta e sperimentata tra l’intelletto e una realtà conosciuta. Ecco perché una filosofia realistica ha sempre come referente questa realtà conosciuta senza la quale non ci sarebbe conoscenza. Le filosofi⋯
 ⋯ Riconoscere le false scienze
72% Étienne GilsonFrammenti
Il realista non deve dunque temere che l’idealista lo metta in contraddizione con il pensiero scientifico, perché ogni scienziato, anche se si ritiene idealista in filosofia, quando ragiona da scienziato non può che pensare in termini realistici. Uno scie⋯