Gustave Doré ⋯ Isaia
Or fu già mai
gente sì vana come la sanese?
Certo non la Francesca sì d’assai!

Crediti
 • Dante Alighieri •
  • Dante: XXIX, 121-123 •
 • Pinterest • Gustave Doré  • The Dore Gallery of Bible Illustrations •

Similari
⋯ Monika Ekiert Jezusek ⋯Solitudini di mai chiamato
43% Mariangela GualtieriPoesie
Nome che stai al centro, il tuo suono ciocca e s’imperla di voci ma nessuna ti tiene, nessuna ti osa in suoni, in lettera e in cifra. Nelle tue solitudini di mai chiamato. Come tutto è assai strano. A me sembra. Assai strano. Ti piantono, ti indago, mi av⋯
Alessandro SerraQuei supremi propositi che mai giungono
41% Fernando PessoaPoesie
Visse, io non so quando, mai forse, ma il fatto è che visse – un ignoto re il cui regno era lo strano regno degli intermezzi. Era signore di ciò che è incastrato tra cosa e cosa, degli intraesseri, di quella parte di noi che giace tra sonno e risveglio, t⋯
Gustave Doré ⋯ Il muto possedevaOh vana gloria de l’umane posse!
40% Dante AlighieriDoré GalleryPoesie
Oh vana gloria de l’umane posse! com’ poco verde in su la cima dura, se non è giunta da l’etati grosse! Credette Cimabue ne la pittura tener lo campo, e ora ha Giotto il grido, sì che la fama di colui è scura. Così ha tolto l’uno a l’altro Guido la gloria⋯
 ⋯Canzone ovvia
39% Paulo FreirePoesieSocietà
Riposarmi dal molto che farò, Mentre ti attenderò. Chi attende nella pura attesa Vive un tempo di attesa vana. Per questo, mentre ti attendo Lavorerò i campi e Converserò con gli uomini Bagnerò di sudore il mio corpo, che il sole brucerà; le mie mani dive⋯
Egon Schiele ⋯ Amori ancillari
39% Guido GozzanoPoesieSchiele Art
Allor che viene con novelle sue, ghermir mi piace l’agile fantesca che secretaria antica è fra noi due. M’accende il riso della bocca fresca, l’attesa vana, il motto arguto, l’ora, e il profumo d’istoria boccaccesca… Ella m’irride, si dibatte, implora, ⋯
 ⋯ Un Affetto e la Vita
37% Pier Paolo PasoliniPoesie
Ho un affetto più grande di qualsiasi amore su cui esporre inutilizzabili deduzioni – Tutte le esperienze dell’amore sono infatti rese misteriose da quell’affetto In cui si ripetono identiche. Sono legato da esso poiché me ne impedisce altri. Ma sono libe⋯