Orrore della solitudine
Quest’orrore della solitudine, il bisogno di dimenticare il proprio io in una carne estranea, è ciò che l’uomo chiama nobilmente bisogno di amare. Nell’amore come in quasi tutte le vicende umane, la cordiale intesa è il risultato di un malinteso. E questo malinteso è il piacere. L’uomo grida: «O, angelo mio!». La donna tuba: «Mamma! Mamma!». E questi due imbecilli sono convinti di pensare in pieno accordo. – L’abisso insuperabile, che causa l’incomunicabilità, resta insuperato.

Crediti
 Charles Baudelaire
 Pinterest • Roberto Di Costanzo  • 




Quotes per Charles Baudelaire

Le emozioni più belle sono quelle che non sai spiegare.

Noi vogliamo, per quel fuoco che ci arde nel cervello, tuffarci nell'abisso, inferno o cielo che importa? Giù nell'ignoto per trovarvi del nuovo!

La mia vita?
Un tenebroso uragano solcato qua e là
da splendidi soli.
Frequento la tempesta e me la rido
dell'arciere (arciere io stesso).
Esiliato in questo mondo, ali gigantesche mi
rendono difficile il cammino.
Non mi si misuri né si cerchi di
comprendermi, sono minuscolo in questo
sconfinato universo.

La grande poesia è essenzialmente bête, crede, ed è questo che ne fa la gloria e la forza.

Ti odio, Oceano! Il mio spirito ritrova in sé le tue impennate e i tuoi tumulti: il riso amaro dell’uomo sconfitto, pieno di singhiozzi e d’insulti, lo ritrovo nella risata enorme del mare.  Ossessione