Sitzendes nacktes maedchen
La dottrina della metempsicosi si allontana dalla verità solo in quanto pospone nel futuro ciò che già preesiste, dato che lascia vivere la mia intima interiorità in altri esseri soltanto dopo la mia morte; invero ciò accade invece già in vita, e la morte si limita a eliminare l’inganno che mi impedisce di rendermene conto: esattamente come l’immagine proiettata sulla parete da una lanterna magica non ci appare finché non si è spenta la luce che illumina la stanza – nonostante tale immagine già preesista; ovvero, con una metafora più nobile, come l’innumerevole schiera delle stelle risplende ognora su di noi, ma non ci appare finché quell’unico sole terrestre, a noi vicino, non è tramontato.
Allo stesso modo, la mia esistenza individuale, per quanto sia simile a quella luce e, dal mio punto di vista, illumini ogni cosa, dev’essere considerata in fondo soltanto un ostacolo posto fra me e la conoscenza del mio esistere in altri, anzi, in tutti gli esseri. E poiché ogni individuo vivente che si cimenti con la conoscenza soccombe dinanzi a questo ostacolo, è proprio l’individuazione a indurre costantemente la volontà di vita all’illusione e all’errore circa la propria essenza: la Māyā degli Indù. La morte confuta ed elimina questo errore. Nell’attimo della morte ci rendiamo conto che un mero inganno aveva limitato la nostra essenza alla nostra persona particolare.

 
Crediti
 • Arthur Schopenhauer
 • SchieleArt •  Sitzendes nacktes maedchen • 

Similari

 ⋯ Il caso Nietzsche
820%  •  ArticoliFilosofiaGianni Vattimo
Nietzsche, accompagnato dalla sua cattiva reputazione di pensatore dei nazisti, fu poi riconsiderato, agli inizi degli anni ’60 del ventesimo secolo, da quel movimento che prese il nome: Nietzsche-Renaissance o il rinascimento nietzscheano, e soprattutto ⋯


Gustave Doré ⋯ Elia distrugge i messaggeri di AhaziaCirca la nostra condotta verso noi stessi
615%  •  Arthur SchopenhauerDoré GalleryFilosofia
4.° Il manovale che aiuta a fabbricare un edifizio, non ne conosce il progetto, o non l’ha sempre sotto gli occhi; tale è pure la posizione dell’uomo mentre è occupato a dividere uno per uno i giorni e le ore della sua esistenza in rapporto all’insieme de⋯


Marina PodgaevskayaSulla differenza delle età della vita
526%  •  Arthur SchopenhauerFilosofia
Voltaire ha detto mirabilmente bene: Qui n’a pas l’esprit de son âge De son âge a tout le malheur. Converrà dunque che, per chiudere queste considerazioni eudemonologiche, gettiamo uno sguardo sulle modificazioni che l’età porta in noi. In tutto il corso ⋯


 ⋯ L’onore
416%  •  Arthur SchopenhauerFilosofia
La discussione sull’onore sarà molto più difficile e molto più lunga di quella sul grado. Prima di tutto dovremo definirlo. Se a tal uopo dicessi: «L’onore è la coscienza esterna, e la coscienza è l’onore interno», la definizione potrebbe forse piacere a ⋯


 ⋯ Sapere di non essere
389%  •  IneditiSergio Parilli
Ho rivisto finalmente a Julián. Veniva da altri mondi non sconosciuti per lui, visto che è riuscito a tornare senza bussola. Non era tenuto a tornare, anche perché se stava bene dove era arrivato poteva restarci in eterno, visto che era previsto un viaggi⋯


 ⋯ Le origini romantiche della psicoanalisi e l’obiezione di Nietzsche
340%  •  ArticoliPsicologiaUmberto Galimberti
A differenza di tutti i popoli della terra, l’uomo occidentale un giorno ha detto Io. L’ha annunciato Platone e l’ha esplicitato Cartesio. La psicologia ha catturato questa parola e ne ha fatto il centro della soggettività, dispiegando una visione del mon⋯