Padroni di se stessi
Essere consapevoli di ciò che si prova dentro di sé senza sentirsi sbagliati, è il passo fondamentale per essere padroni di se stessi.

Crediti
 • Arthur Schopenhauer •
 • SchieleArt •   •  •

Similari
Egon Schiele ⋯ SunflowerL’essenza del testo
64% ArticoliElena CarusoLinguaggioSchiele Art
Barthes attraverso “Il piacere del testo” analizza le ragioni che spingono il lettore ad avvicinarsi ad un testo con un atteggiamento cannibalesco, quasi ne volesse divorare il tessuto, l’essenza. Cosa spinge il lettore a “leggere fino a farsi del male! F⋯
Egon Schiele ⋯ Male nude self-portraitNon c’è un modo giusto o sbagliato di essere autentici
49% Autori VariSchiele Art
E non è mai troppo tardi per vivere nel rispetto della propria essenza. In confronto ai secoli passati, oggi possiamo contare su una rinfrancante libertà di espressione. Eppure, conosco pochissimi eletti in grado di salvaguardare la loro essenza senza sce⋯
Egon Schiele ⋯ Affidatevi al vostro corpo per il trasporto
48% FilosofiaLao TzuSchiele Art
Nei tempi antichi, la gente viveva la vita che contemplava la sua totalità. Essi non sopravvalutavano l’intelletto, ma integravano mente, corpo e spirito in tutte le cose. Questo ha permesso loro di diventare padroni della conoscenza piuttosto che vittime⋯
Egon Schiele ⋯ Della virtù che rimpiccolisce
46% ArticoliFriedrich NietzscheSchiele Art
Zarathustra fu di nuovo sulla terra ferma, non corse subito alla sua montagna e alla sua grotta, ma fece molte strade e domande e si informò di questo e di quello, così che diceva a se stesso scherzando: ‹‹Ecco un fiume, che per mille curve rifluisce alla⋯
Egon Schiele ⋯ Fai un passo e fermati
46% Elena MikhalkovaSchiele Art
Una volta la nonna mi aveva dato un consiglio: Nei periodi difficili, vai avanti a piccoli passi. Fai ciò che devi fare, ma poco alla volta. Non pensare al futuro, nemmeno a quello che potrebbe accadere domani. Lava i piatti. Togli la polvere. Scrivi una ⋯
Egon Schiele ⋯ Ella fece ancora un passo avanti
38% Schiele ArtStefan Zweig
Era d’un pallore giallastro, la stessa tinta spenta e malaticcia della luna là fuori, le labbra erano ancora dischiuse, come prima sulla terrazza. Camminava senza far rumore, ma non con passo leggero. C’era qualcosa di molle e fiacco in lei che mi ramment⋯