Il maestro rosicruciano

Egon Schiele ⋯
Di fronte al suo scolaro il maestro rosicruciano non vuol essere in una posizione diversa da quella dell’insegnante di matematica di fronte al suo allievo. ⋯

Patri-mon-io

 ⋯  ⋯

Sistema che non funziona

Egon Schiele ⋯
Credo che Michael abbia imparato molto da me, e che lo abbia poi sviluppato. Vederlo giocare mi piaceva moltissimo, ed eravamo amici. Comunque il compito di ogni nuova generazione è di superare quella precedente. Se i giovani non vanno oltre quello che i vecchi ⋯

Sull’online dating

 ⋯
Non ci si innamora mai della persona perfetta. Deve esserci un piccolo elemento di disturbo, ed è solo dopo aver notato questo elemento che dici “nonostante quella imperfezione la amo, o lo amo“. […] Stavo parlando una volta in un remoto paese ⋯

Parlare dell’amore

Egon Schiele ⋯ Ci sono persone che non si sarebbero mai innamorate se non avessero mai sentito parlare dell’amore. ⋯

Si sceglie ciò che ci aggrada

 ⋯ Se per qualcuno questo testo sarà incomprensibile e sgradevole all’ascolto, la colpa, mi sembra non è da attribuirsi necessariamente a me. Esso risulta bastevolmente chiaro, presupponendo, come presuppongo, che siano precedentemente letti, non senza una certa fatica, gli altri miei scritti, perché in realtà ⋯

Visione convenzionale

Egon Schiele ⋯ La visione convenzionale serve per proteggerci dal lavoro doloroso del pensiero. ⋯

Il Cristo morto

Holbein ⋯ Il Cristo morto Il quadro rappresentava il Cristo appena deposto dalla croce.
Mi sembra che i pittori abbiano tuttora l’abitudine di rappresentare Cristo sulla croce, oppure nella deposizione, con un viso di bellezza straordinaria; essi cercano di conferirgli questa bellezza anche fra le torture più atroci.
Nel ⋯

Esseri solari

Egon Schiele ⋯
Gli Elohim sono le entità che, alla separazione del Sole da Luna e Terra, rimasero unite al Sole; fanno parte della gerarchia che ha il nome di Potestà, Spiriti della forma, fanno parte delle gerarchie da queste verso l’alto. Sono ancora entro la nostra ⋯

Avvelenati dalla vanità repressa

Paul Cézanne ⋯
Non c’è nulla di più increscioso che essere, per esempio, ricco, di buona famiglia, di aspetto avvenente, colto, intelligente, buono perfino, ed essere nondimeno senza alcuna speciale attitudine, non possedere nessuna idea propria, nessuna bizzarria particolare se non altro; essere insomma disperatamente come tutti ⋯

Scelta estrema

Egon Schiele ⋯ Sitzender mannlicher akt
Se qualcuno si accorgesse che potrebbe vivere più a suo agio infisso in croce che a tavola, sarebbe il più stolto degli uomini se non si facesse crocifiggere. ⋯

Simbolo di ermafroditismo

Giorgio de Chirico ⋯ «La tua sessualità è ambigua, si legge nei tuoi quadri», a volte mi è stato detto. Credo che alludessero alle opere in cui il mio viso ha tratti mascolini, o ad alcuni particolari: in un tale quadro, to’, c’è una lumaca, simbolo ⋯

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi