Paradiso temporaneo

C’era un paradiso, un paradiso temporaneo, per me in quella stanza, se volevo: dovevo soltanto entrare e dire: “Signor Rochester, vi amerò e vivrò con voi fino alla morte” e una sorgente di gioia mi avrebbe bagnato le labbra. Pensai a questo.

Crediti
 • Charlotte Brontë •
 • Jane Eyre •
 • SchieleArt •   •  •

Similari
Egon Schiele ⋯ Dovevo solo essere me stessa
48% Banana YoshimotoSchiele Art
…Era proprio per questo motivo che ero felice all’idea che non dovevo fare nienete di strepitoso. L’unica cosa che mi era concessa era prendermi cura, riempiendolo di fiori, del piccolo vaso che portavo dentro di me. Di certo non potevo credere di cambi⋯
Egon Schiele ⋯ Trovare un diamante su una strada fangosa
47% Mujū IchienRaccontiSchiele Art
Gudo era l’insegnante dell’imperatore del suo tempo. Però viaggiava sempre da solo come un mendicante girovago. Una volta, mentre era in cammino verso Edo, il centro culturale e politico del shogunato, si trovò nei pressi di un piccolo villaggio chiamato ⋯
Egon Schiele ⋯ Parli in modo oscuro
47% Bertolt BrechtSchiele Art
Dal signor Keuner, il pensatore, andò un professore di filosofia a raccontargli della sua saggezza. Dopo un po’ il signor Keuner gli disse: – Tu siedi scomodamente, parli scomodamente, pensi scomodamente -. Il professore di filosofia andò in collera e dis⋯
Egon Schiele ⋯ Catena di montaggio
43% Anna Maria TocchettoSchiele Art
Renato Zero in un concerto a Torino, rivolgendosi a persone che stavano disturbando, così disse: Se dovevo attaccà na marchetta sul Po, l’avrei attaccata sul Tevere. La differenza fra un artista e chi artista non è. Questo non artista, pur avendo la possi⋯
Egon Schiele ⋯ La francese
42% PoesieRoberto BolañoSchiele Art
Una donna intelligente. Una donna bella. Conosceva tutte le varianti, tutte le possibilità. Lettrice degli aforismi di Duchamp e dei racconti di Defoe. In genere con un autocontrollo invidiabile, Tranne quando era depressa e si ubriacava, Cosa che poteva ⋯
Egon Schiele ⋯ SunflowerL’essenza del testo
39% ArticoliElena CarusoLinguaggioSchiele Art
Barthes attraverso Il piacere del testo analizza le ragioni che spingono il lettore ad avvicinarsi ad un testo con un atteggiamento cannibalesco, quasi ne volesse divorare il tessuto, l’essenza. Cosa spinge il lettore a leggere fino a farsi del male! Fino⋯