⋯
L’universo racchiude numerosi segreti e potrebbe perfino nascondere dimensioni inimmaginabili: universi paralleli, geometrie curve e inghiottitoi tridimensionali sono alcuni degli straordinari concetti che di recente sono divenuti protagonisti della ricerca scientifica. Oggi, delle leggi del cosmo capiamo molto più di qualche anno fa, eppure abbiamo molte meno certezze sulla sua vera natura. Nel suo percorso di ricerca nel campo della cosmologia e della fisica, Lisa Randall ha dovuto abbattere alcuni paletti della scienza ufficiale e postulare l’inevitabile esistenza, nell’universo, di dimensioni che sfuggono alla nostra percezione. Muovendo dalle grandi scoperte del Novecento, in questo libro Randall spiega ai non addetti ai lavori la sua concezione dell’universo come membrana dotata di quattro dimensioni spazio-temporali immersa in uno spazio multidimensionale, e come questa sia dimostrabile dal punto di vista scientifico.

I misteri delle dimensioni nascoste dell'universo
Lo spaziotempo potrebbe essere drammaticamente diverso da qualsiasi cosa abbiate mai immaginato. Nessuna delle teorie fisiche di cui siamo a conoscenza impone che le dimensioni dello spazio siano solo tre. Scartare la possibilità di dimensioni extra potrebbe essere molto avventato”. L’Universo ha i suoi segreti. Le dimensioni extra dello spazio potrebbero essere uno di questi. Negli ultimi anni la nostra conoscenza dell’Universo si è ampliata in modo esponenziale, eppure la sua vera natura ci appare sempre più incerta. L’unica cosa sicura è che le attuali leggi della fisica non bastano più. Concetti come universi paralleli, geometria curva e dimensioni extra e per giunta arrotolate, fino a poco tempo fa appannaggio esclusivo della fantascienza, ora sono oggetto di studio e dibattito scientifico. Lisa Randall è una protagonista della ricerca su questi terreni di frontiera, e il suo lavoro cerca di allargare i confini della scienza per poter dare una risposta agli interrogativi posti dalle nuove scoperte.

Crediti
 • Lisa Randall •
 • Passaggi curvi •
 • Traduzioni: Pellegrino Giuseppina, Cavoto G •
  • I misteri delle dimensioni nascoste dell'universo •
 • Pinterest •   •  •

Similari
Da Zarathustra a KhomeiniDa Zarathustra a Khomeini
104% ArticoliGerhard SchweizerLibri
La storia della Persia iniziò a Battria e prima ancora che un governatore vi regnasse in nome dei re divini, visse a Battria un uomo che sarebbe diventato, più di qualsiasi altro, una figura determinante per la notorietà della cultura persiana in occident⋯
⋯  ⋯Sexistenza
83% Anna Maria TocchettoFrammentiJean-Luc Nancy
Esiste l’amore in tutta la sterminata estensione del termine, l’amore senza confini, l’amore per l’umanità, il mondo, la musica, il mare o la montagna, la poesia o la filosofia, che è essa stessa amore della sapienza. Non è così? Quest’ultima, a sua volta⋯
 ⋯ Il mondo secondo Nietzsche
75% Luis Enrique de SantiagoRecensioni
Il libro di Pavel Kouba, professore di filosofia presso l’Università Carolina di Praga, si dedica allo studio della fenomenologia e all’opera di Husserl e Heidegger; tratta l’impatto del pensiero di Nietzsche nella filosofia moderna, dedicando una special⋯
 ⋯ Animalia
73% ArticoliAutori VariLibri
Avete sentito: E ciò che è più importante fra i mortali, tutto viene da noi: da noi, gli uccelli. Il minimo che si possa dire è che la ricerca moderna non ha confermato questa ipotesi. Ma bisogna ammetterlo: la ricerca moderna, che pure ha chiarito molti ⋯
 ⋯ La diversità e la sua importanza
65% Hermann HesseLibri
Narciso era scuro e magro, Boccadoro era radioso e florido. Se Narciso sembrava un pensatore e un analizzatore, Boccadoro sembrava un sognatore e un’anima di fanciullo. Ma c’era al di sopra dei contrasti qualcosa che li accomunava: entrambi erano nature s⋯
Cole Thomas ⋯ The Voyage of Life YouthScienza della coscienza
46% Álvaro MutisFrammenti
Rispettare l’oggetto della conoscenza è, prima di tutto, non volerlo ridurre a ciò che dovrebbe essere per potersi adattare alle regole epistemologiche che abbiamo scelto arbitrariamente noi stessi. Per fare un esempio, è vero che l’introspezione non ci p⋯