Egon Schiele ⋯ Seated female nude
– Sì. Solo non capisco perché non ne parli a Lew, una volta o l’altra.
– Perché? Perché non è abbastanza intelligente, ecco perché, – disse Eloise. – E poi, stammi a sentire bene, carrierista. Se mai ti capitasse di risposarti, a tuo marito non devi dire assolutamente niente. Mi hai sentita?
– Perché? – disse Mary Jane.
– Perché te lo dico io, ecco perché, – disse Eloise. – Vogliono andare a dormire sicuri che hai passato tutta la vita a vomitare ogni volta che ti veniva vicino un ragazzo. Non scherzo mica, sai? Oh, per parlare puoi parlare. Ma non sul serio: mai. Voglio dire, non sul serio. Se gli racconti che una volta conoscevi un bel ragazzo, devi dirgli prima ancora di aver finito la frase che era troppo bello. E se gli dici che hai conosciuto un ragazzo spiritoso, gli devi dire che però era uno sbruffone, oppure una linguaccia. Se non fai così, ti rinfacciano il tuo poveretto tutte le volte che possono. – Eloise s’interruppe per bere e pensare. – Oh, – disse, – ti stanno a sentire con aria molto comprensiva, questo sì. Fanno persino la faccia intelligente. Ma non ci cascare mai. Credi a me. Patirai le pene dell’inferno, se t’illudi che possano essere intelligenti. Parola mia.
Mary Jane, con aria depressa, alzò il mento del bracciolo del divano. Per cambiare, lo appoggiò sull’avambraccio. Rifletté sul consiglio di Eloise. – Non puoi dire che Lew non sia intelligente, – disse a voce alta.
– Lo dici tu.
– Voglio dire, m’è sempre sembrato intelligente, no? – chiese Mary Jane, con innocenza.
– Oh, – disse Eloise, – a che serve parlare. Piantiamola. Ti mette solo di cattivo umore. Fammi star zitta.
– Ma allora, scusa, perché te lo sei sposato? – disse Mary Jane.

Crediti
 • Jerome David Salinger •
 • Nove racconti •
 • SchieleArt • Heritage Images Seated female nude • 1912 •

Similari
 ⋯ Sapere di non essere
325% IneditiSergio Parilli
Ho rivisto finalmente a Julián. Veniva da altri mondi non sconosciuti per lui, visto che è riuscito a tornare senza bussola. Non era tenuto a tornare, anche perché se stava bene dove era arrivato poteva restarci in eterno, visto che era previsto un viaggi⋯
 ⋯ La vita di Gea
218% ArticoliFrancisco DomeneRacconti
C’era che non c’era. C’era una volta che non c’era niente; anteriore al no e allo stesso tempo era il sì e il no. Non esistendo il tempo, un orologio sarebbe subito impazzito, perché non c’era nulla da misurare: né notte o giorno, né silenzio o rumore, né⋯
 ⋯ Il mercantile
136% IneditiSergio Parilli
Magari è troppo presto, ma i sognatori, hanno sempre lo sguardo perso, sicuramente piacevole nei loro pensieri e sorridono… ma, anche se sono solo due righe con due soli sostantivi, l’emozione è sempre la stessa per il poeta. Siamo nel periodo di un’attra⋯
Egon Schiele ⋯ Che cosa straordinaria, il presente
103% Bernard MalamudEstrattiSchiele Art
Era giunto alla conclusione che Mary Lou aveva diritto di commettere i propri errori. Lui aveva diritto ai suoi. Ma per quanto cercasse di non pensare a quel che gli aveva raccontato, il fatto che fosse stata una sgualdrina continuava a tormentarlo. Mary ⋯
La favola dei maiali arrostiti
101% Gustavo F. J. CiriglianoRacconti
Racconta il vecchio professore che una volta una foresta prese fuoco in cui c’erano dei maiali che furono arrostiti. Gli uomini, abituati a mangiare carne cruda, li assaggiarono e poi, ogni volta che volevano mangiare maiali arrostiti, incendiavano la for⋯
 ⋯ Lascia che ti racconti
80% Jorge BucayRacconti
“Sono venuto qui, maestro, perché mi sento così inutile che non ho voglia di fare nulla. Mi dicono che sono un inetto, che non faccio bene niente, che sono maldestro e un po’ tonto. Come posso migliorare? Che cosa posso fare perché mi apprezzino di più?”.⋯