⋯
Il neoliberismo proclama, senza riserve, che il successo materiale è indicativo di virtù; in particolare, mette in evidenza la superiore capacità di alcuni per il lavoro e per l’altruismo. Queste virtù potrebbero essere anche emanate dal buon Dio e ratificato dalla stessa Natura che limiterebbe le opportunità e le condizioni di vita sulla terra. Il massimo dovere individuale è di prendersi cura di sé e, nell’adempimento a tale dovere individuale, si compie – a sua volta – un dovere sociale.
Da queste premesse, l’esistenza di grandi fortune è lodevole. La ricchezza è sinonimo di capacità e gli individui ricchi rappresentano il futuro biologico della specie umana perché godranno le migliori opportunità. Lo Stato non dovrebbe interferire con la distribuzione della ricchezza, perché questa avviene solo attraverso il lavoro e la sua resa; e nessuno si sforzerebbe nell’accumularla se non possedesse vantaggi di ordine superiore. Inoltre, il livello di ricchezza dovrebbe essere il metro quando si tratta di accedere a sistemi educativi, progressi scientifici e anche come garante dei beni morali. In ogni caso, se si dovrebbe presentare il conto, si potrebbe rispondere che l’accumulazione del capitale privato è compatibile con lo sviluppo della civiltà.
In questa formulazione, v’è una denigrazione implicita degli “effettivi sociali” relegati ad essere semplicemente forza lavoro. Coloro che sono sfruttati sono da biasimare per la loro situazione; con lo sperpero e l’auto-indulgenza per i piaceri mondani, essi stessi sarebbero stati costretti a vivere in quella situazione; nella misura che aumenta il numero di esclusi, questi, competeranno tra loro per il proprio sostegno e anche per uno stipendio di rassegnazione. Anche quegli individui che possiedono delle “qualità” e che hanno peccato di negligenza, subiranno le stesse conseguenze dell’incompetenza di tutto il resto.
Questa è la mentalità surrettizia all’ideologia neoliberista ed è il messaggio che si muove con la sua retorica. Le contraddizioni non hanno importanza, ciò che conta è che, mentre produce risultati, tutte le prove contro di essa saranno confutate per il semplice fatto che la realtà è quello che c’è e non tutto quello che avrebbe potuto essere stato.

Crediti
 • Sergio Parilli •
 • Pinterest •   •  •

Similari
 ⋯ Sapere di non essere
425% IneditiSergio Parilli
Ho rivisto finalmente a Julián. Veniva da altri mondi non sconosciuti per lui, visto che è riuscito a tornare senza bussola. Non era tenuto a tornare, anche perché se stava bene dove era arrivato poteva restarci in eterno, visto che era previsto un viaggi⋯
 ⋯ Il mercantile
247% IneditiSergio Parilli
Magari è troppo presto, ma i sognatori, hanno sempre lo sguardo perso, sicuramente piacevole nei loro pensieri e sorridono… ma, anche se sono solo due righe con due soli sostantivi, l’emozione è sempre la stessa per il poeta. Siamo nel periodo di un’attra⋯
 ⋯ Il tempo che non fu
108% IneditiSergio Parilli
Racconto noir, ambientato nel passato, che racconta un improbabile spaccato di vita caduca e infortunata verso un destino che non si risolve con l’accettazione degli eventi ma affrontando le sfide che il sistema presenta ai personaggi. Di solito Paolo, do⋯
 ⋯ La vendetta di Tesla
90% IneditiSergio Parilli
Racconto fantastico, ambientato nel futuro, che racconta il mondo del passato e come la storia segue il suo corso – nonostante gli impedimenti che altri fattori involutivi si missero in moto per far prelavele un modello economico già noto come fallimentar⋯
⋯  ⋯L’Europa della governance
60% IneditiPoliticaSergio Parilli
Un aneddoto per arrivare a capire cosa sono oggi i partiti politici nell’Europa della governance. Lavoravo in una fabbrica per il trattamento metallurgico di ceneri aurifere e tra gli operai, tutti brutti e raccomandati, regnava il nepotismo quindi i lavo⋯
Don Quijote de La Mancha: ¿realidad o ficción?Don Chisciotte – Tra realtà e fantasia
43% Anna Maria TocchettoArticoliSergio Parilli
Un’opera quando è tale, non può essere di sola fantasia, sempre è striata di quel reale che passa negli interstizi di una realtà che occlude ogni accesso e tende comunque a separare ogni cosa. Eppure basta un attimo, un indizio, una sola fuoriuscita a sor⋯