Pensiero del proprio declino
L’uomo non raggiungerebbe certamente i settanta o gli ottant’anni se la durata della vita non corrispondesse al senso della sua esistenza. Così anche il pomeriggio della vita deve avere un senso ed uno scopo propri, non può essere solamente un misero prolungamento del mattino. Quest’ultimo ha certamente come scopo lo sviluppo degli individui, il suo consolidarsi e il suo riprodursi nel mondo esterno, così come il pensiero del proprio declino – tale è evidentemente il suo scopo naturale -. Una volta raggiunto, largamente raggiunto, questo obiettivo, è necessario continuare a guadagnare denaro senza tregua ed allargare la propria esistenza oltre ogni limite ragionevole?
Colui che trasporta così la legge del mattino, cioè lo scopo naturale, senza bisogno, nel pomeriggio della vita, subirà per questo danni psichici esattamente come il giovane che, volendo conservare nell’età adulta il suo egoismo infantile, paga il suo errore con le sconfitte sociali.

Crediti
 Carl Gustav Jung
 L'áme et la vie
 Pinterest •   • 




Quotes per Carl Gustav Jung

Il punto di vista moralistico del nostro tempo vuole naturalmente sapere sempre se la tal cosa sia dannosa o utile, se sia giusta o ingiusta. Una vera psicologia non può darsi pensiero di ciò; le basta sapere come sono le cose in sé e per sé.

Le nature problematiche sono di frequente nevrotiche, ma sarebbe un grave errore il confondere questo carattere problematico con la nevrosi; tra essi esiste effettivamente una differenza essenziale: il nevrotico è ammalato in quanto non ha coscienza dei propri problemi, mentre il problematico soffre dei suoi problemi coscienti senza essere malato.  Gli stadi della vita

Ringrazio il destino di avere benevolmente impedito alla mia barca di approdare sulle aride sponde di una raccapricciante conclusività. Chi cerca trova, e colui che sempre cerca, sempre trova. Per questo sono felice di non vedere alcuna conclusività da nessuna parte, bensì un'oscura distesa piena di misteri e di avventura.  Sulla psicologia

Quando morirò - immagino - le mie azioni mi seguiranno. Porterò con me ciò che ho fatto. Ma nel frattempo il problema è questo, che alla fine della mia vita non mi trovi con le mani vuote.

L'uomo occidentale ha perso i suoi metodi irrazionali originari di cui pero avrebbe estremo bisogno.