White Socks
La sua anima piena di entusiasmo estatico agognava la libertà, lo spazio, la vastità. Su di lui ampia, sconfinata, si rovesciò la cupola celeste, colma di quiete stelle scintillanti. Dallo zenit fino all’orizzonte si biforcava la Via Lattea, ancora indistinta. Una notte fresca e tranquilla, fino quasi a essere immobile, avviluppava la terra. Le torri bianche e le cupole dorate della cattedrale rilucevano nel cielo di zaffiro. I fastosi fiori autunnali nelle aiuole attorno alla casa s’erano assopiti fino al mattino. Il silenzio della terra s’era come unito al silenzio del cielo, il mistero della terra sfiorava quello delle stelle… Alëša era fermo, in piedi, osservava, e all’improvviso, come di schianto, si prosternò a terra. Non sapeva perché la stesse abbracciando, non si dava ragione del perché volesse così irresistibilmente baciarla, baciarla tutta, ma la baciava, piangendo, singhiozzando e spargendo le sue lacrime, e frenetico giurava di amarla; di amarla nei secoli dei secoli. Bagna la terra con le lacrime della tua gioia, e ama queste tue lacrime… risuonava nell’anima sua. Per cosa piangeva? Oh, nella sua estasi piangeva persino per quelle stelle che splendevano per lui dall’abisso, e non provava vergogna per la sua frenesia. Come se i fili provenienti da tutti questi innumerevoli mondi di Dio si fossero congiunti nella sua anima, ed essa tutta fremesse, trovandosi a sfiorare altri mondi. Avrebbe voluto perdonare tutti, e per tutto chiedere perdono, oh! Non per sé, ma per tutti, per tutto e per ogni cosa, e per me saranno altri a domandare perdono, risuonò nuovamente nella sua anima. Ma a ogni istante che passava sentiva in modo chiaro e tangibile che qualcosa di certo e saldo come quella volta celeste gli stava scendendo nell’anima. Un’idea parve diffondersi nella sua mente, e questo era ormai per tutta la vita, e per tutti i secoli dei secoli. Era caduto a terra fome un giovane debole, e si alzò invece come un combattente deciso, per tutta la vita, e della cosa ebbe consapevolezza e percezione all’improvviso, in quello stesso istante di estasi. E in seguito mai, mai Alëša poté più dimenticare per tutta la vita quel momento. In quell’ora qualcuno ebbe a visitare la mia anima, raccontò in seguito, con una fede salda nelle proprie parole… Tre giorni dopo abbandonò il monastero, il che s’accordava con le parole del suo defunto stare, che gli aveva ordinato di essere nel mondo.

Crediti
 • Fëdor Dostoevskij •
 • I fratelli Karamazov •
 • Pinterest • Stefan Zsaitsits White Socks •  •

Similari
 ⋯ La sofferenza dell’essere bella
99% Alessandro BariccoFrammenti
Elena è una donna sola che vuole tornare a casa. Stanca di essere guardata, di essere additata come causa primordiale di tutte le sciagure o come causa di morte di migliaia di persone, accecate dal vapore velenoso del suo splendore. Ogni volta che si affo⋯

⋯  ⋯Sexistenza
91% Anna Maria TocchettoFrammentiJean-Luc Nancy
Esiste l’amore in tutta la sterminata estensione del termine, l’amore senza confini, l’amore per l’umanità, il mondo, la musica, il mare o la montagna, la poesia o la filosofia, che è essa stessa amore della sapienza. Non è così? Quest’ultima, a sua volta⋯

Octavian FlorescuIntimità aperta
79% FrammentiMaria Lo Conti
Kafka individuava il momento esatto in cui la scrittura ha potuto trasformarsi per lui in letteratura: il momento in cui ha potuto sostituire Io con Egli. Quando lo scrittore priva l’opera dell’ingombro della propria persona, quando ha la forza di imporre⋯

 ⋯ Non sacrificare la presenza
79% FrammentiRobert Burton
Imparare ad essere presenti internamente – essere lo stato di presenza senza parole – spesso comincia con l’essere silenziosi all’esterno, col parlare di meno. Per esempio parlare meno spesso, meno in fretta, meno energicamente e per periodi di tempo più ⋯

⋯ Antichi Maestri ⋯Non guardi troppo a lungo un quadro
54% FrammentiThomas Bernhard
Guai a lei se legge con più penetrazione del solito, si rovina il gusto per tutto ciò che legge. Qualsiasi cosa lei legga, questo qualcosa alla fine diventa ridicolo, alla fine non ha più alcun valore. Si guardi bene dall’affrontare con troppa penetrazion⋯

⋯  ⋯Tirannia, Democrazia e Anarchia
54% FrammentiMaksim Gorkij
La Terra è il teatro di una lotta tra il Nero e il Rosso. La forza del Nero è la sua sete insaziabile di regnare sugli uomini. Crudele, avido e cattivo egli ha disteso sul mondo le sue ali pesanti e avviluppato tutto il globo nell’ombra gelida del suo ter⋯