Perché dimentichiamo i morti?

Si corregge il sentimentalismo non diventando cinici ma diventando seri.
La legge morale serve a non fare del male a noi, non a risparmiarlo agli altri. Perché dimentichiamo i morti? Perché non ci servono più. La grande, la tremenda verità è: soffrire non serve a niente.

Crediti
 • Cesare Pavese •
 • Pinterest • Frantisek Drtikol  •  •

Similari
⋯  ⋯Sexistenza
80% Anna Maria TocchettoFrammentiJean-Luc Nancy
Esiste l’amore in tutta la sterminata estensione del termine, l’amore senza confini, l’amore per l’umanità, il mondo, la musica, il mare o la montagna, la poesia o la filosofia, che è essa stessa amore della sapienza. Non è così? Quest’ultima, a sua volta⋯
  ⋯ Accettare la sfida
61% Álvaro MutisFrammenti
Stabilisco, cosciente della loro ingenua inutilità, alcune regole di vita. È uno dei miei esercizi preferiti. Mi fa sentire meglio e credo in questo modo di mettere in ordine qualcosa anche dentro di me. Vecchi retaggi del collegio dei gesuiti, che non se⋯
Raffaelo Sanzio ⋯ Madonna SistinaLa Madonna Sistina
46% FrammentiVasilij Grossman
E capisco di avere sempre usato con leggerezza una parola dalla potenza tremenda – immortalità -, di averla sempre confusa con la pur possente vitalità di alcuni capolavori dell’uomo. Nonostante la mia venerazione per Rembrandt, Beethoven e Tolstoj, mi è ⋯
 ⋯ Le aporie di K
36% Alessandro BellanFrammenti
Come la storia semplice diventa confusa e Josef K. si arrende all’impossibilità di venirne a capo, allo stesso modo la verità si dissolve nella sua interpretazione, anzi diventa l’interpretazione stessa: ma questo distrugge la possibilità stessa dell’inte⋯
 ⋯ Viviamo sbagliando
34% FrammentiPhilip Milton Roth
Lotti contro la tua superficialità, la tua faciloneria, per cercare di accostarti alla gente senza aspettative illusorie, senza un carico eccessivo di pregiudizi, di speranze o di arroganza, nel modo meno simile a quello di un carro armato, senza cannoni,⋯
George RedhawkLa decomposizione dei corpi
34% Antonio MorescoFrammenti
Sono nato il 30 ottobre 1947, all’imbrunire, brandello di carne rigettato con furia da un altro corpo, concepito nove mesi prima da un soldato reduce dalla più grande guerra mai combattuta su questo pianeta e da sei anni di campo di concentramento, e da u⋯