⋯ Andrea Solario ⋯
Siamo qui,
ultimo tentativo di svelare il mistero
dell’imbecille noia,
dell’uomo slacciato, disintegrato.

Il sociale è un servizio
La previdenza sociale
La responsabilità asociale
anacronistica, indigesta, vietata.

Ci servon delle auto, dei morti e anche qualche vivo.
La memoria diventa credula alle scorciatoie dei ricordi, all’indurirsi dei ricordi.
Si scorda la memoria collettiva, l’indispensabile memoria del ciclo e dell’evoluzione.
Solo ci resta autorizzata, la corta immagine della sua memoria
e del piacere passato, presente, futuro.
Poiché il piacere e la gioia diventano la nostra memoria d’avvenire.
Allora perché costruire? Perché guarire?
A che pro la profilassi quando bastan le litanie e qualche pagliaccio a corde e fili, clown sinistri sul cantiere della sorte che interpella!
Andiamo! Ancora un juke-box una moto, qualche pidocchio
e liberamente, facciamo i froci in compagnia, la fronte alta, il corpo ben dritto e la defecazione utile al mantenimento dell’essenziale.

Crediti
 • Lucien Joseph Engelmajer •
 • Pinterest • Andrea Solario  •  •

Similari
Il caso Nietzsche
342% ArticoliFilosofiaGianni Vattimo
Nietzsche, accompagnato dalla sua cattiva reputazione di pensatore dei nazisti, fu poi riconsiderato, agli inizi degli anni ’60 del ventesimo secolo, da quel movimento che prese il nome: Nietzsche-Renaissance o il rinascimento nietzscheano, e soprattutto ⋯
Sapere di non essere
247% IneditiSergio Parilli
Ho rivisto finalmente a Julián. Veniva da altri mondi non sconosciuti per lui, visto che è riuscito a tornare senza bussola. Non era tenuto a tornare, anche perché se stava bene dove era arrivato poteva restarci in eterno, visto che era previsto un viaggi⋯
L’essenza del testo
216% ArticoliElena CarusoLinguaggioSchiele Art
Barthes attraverso “Il piacere del testo” analizza le ragioni che spingono il lettore ad avvicinarsi ad un testo con un atteggiamento cannibalesco, quasi ne volesse divorare il tessuto, l’essenza. Cosa spinge il lettore a “leggere fino a farsi del male! F⋯
Lettera a Meneceo
98% EpicuroIdee
La lettera a Meneceo si apre con un’esortazione a praticare la filosofia, unico vero mezzo per raggiungere la felicità. Secondo Epicuro ogni età è adatta alla conoscenza della felicità, da giovani come da vecchi è importante e giusto dedicarci a conoscerl⋯
Il mercantile
93% IneditiSergio Parilli
Magari è troppo presto, ma i sognatori, hanno sempre lo sguardo perso, sicuramente piacevole nei loro pensieri e sorridono… ma, anche se sono solo due righe con due soli sostantivi, l’emozione è sempre la stessa per il poeta. Siamo nel periodo di un’attra⋯