Perché un'altra vita esista
Quando l’inizio di una vita è stato dominato dal senso della morte, il passare del tempo finisce per somigliare a una regressione verso la nascita, a una riconquista delle tappe dell’esistenza. Morire, vivere, soffrire e nascere sarebbero i momenti di questa evoluzione al rovescio.
Oppure è un’altra vita che nasce dalle rovine della morte? Un bisogno di amare, di soffrire e di risuscitare succede così al trapasso. Perché un’altra vita esista, ti tocca prima morire.

Crediti
 • Emil Cioran •
 • Lacrime e Santi •
 • SchieleArt •   •  •

Similari
Egon Schiele ⋯ The Young Mother(Ne)anche le stelle muoiono…
68% FilosofiaSchiele ArtSøren Kierkegaard
Quando il pericolo è così grande che la morte è divenuta la speranza, allora la disperazione nasce venendo a mancare la speranza di poter morire. In quest’ultimo significato la disperazione è chiamata la malattia mortale: quella contraddizione penosa, que⋯
Egon Schiele ⋯ Self-portraitChi vuole la vita vuole anche la morte
46% Arthur SchopenhauerFilosofiaSchiele Art
Per la volontà di vivere la vita è sempre certa, giacché non è altro che quella stessa volontà, o piuttosto solo il suo specchio. Quella volontà non deve temere la morte, giacché la morte è solo qualcosa che appartiene alla vita, che ha il suo polo oppost⋯
Egon Schiele ⋯ SunflowerL’essenza del testo
45% ArticoliElena CarusoLinguaggioSchiele Art
Barthes attraverso Il piacere del testo analizza le ragioni che spingono il lettore ad avvicinarsi ad un testo con un atteggiamento cannibalesco, quasi ne volesse divorare il tessuto, l’essenza. Cosa spinge il lettore a leggere fino a farsi del male! Fino⋯
Egon Schiele ⋯ Vita, morte
44% Carlo MichelstaedterPoesieSchiele Art
Vita, morte, la vita nella morte; morte, vita, la morte nella vita. Noi col filo col filo della vita nostra sorte filammo a questa morte. E più forte è il sogno della vita – se la morte a vivere ci aita ma la vita la vita non è vita se la morte la morte è⋯
Egon Schiele ⋯ Dead City III (City on the Blue River)Parla Ipolit, un malato terminale di tisi
34% Fëdor DostoevskijSchiele Art
Evidentemente la mia convinzione che per due settimane non valga la pena di soffrire o abbandonarsi ad alcuna sensazione, ha avuto la meglio sulla mia natura e forse dirige tutti i miei sentimenti. Ma è proprio vero? È forse vero che la mia natura è stata⋯
 ⋯ La caduta di Adamo
31% Emil CioranEstratti
Più i paradossi su Dio sono audaci, meglio ne esprimono l’essenza. Perfino le ingiurie gli sono più vicine della teologia o della meditazione filosofica. Rivolte agli uomini sarebbero irrimediabilmente grossolane, o irrilevanti; l’uomo non ha in sé alcuna⋯