Egon Schiele ⋯
La cosa veramente bella della vita è l’avere perso ogni illusione, e ciononostante fare un atto di vita, essere complici. Essere in totale contraddizione con quello che si sa. E se la vita ha qualcosa di misterioso è appunto questo, che pur sapendo ciò che si sa, si è capaci di compiere un atto che va contro il proprio sapere.

Crediti
 • Emil Cioran •
 • Un apolide metafisico •
 • SchieleArt •   •  •

Similari
Egon Schiele ⋯ Woman with two childrenPeccato e morte come apparenze dell’illusione
104% Arthur SchopenhauerFilosofiaSchiele Art
Per diventare partecipi della pace di Dio (ossia perché sorga la coscienza migliore) bisogna che l’uomo, quest’essere caduco, finito, nullo, sia qualcosa di totalmente diverso, che non sia più nient’affatto uomo, ma che divenga consapevole di sé come qual⋯
Egon Schiele ⋯ SunflowerL’essenza del testo
55% ArticoliElena CarusoLinguaggioSchiele Art
Barthes attraverso “Il piacere del testo” analizza le ragioni che spingono il lettore ad avvicinarsi ad un testo con un atteggiamento cannibalesco, quasi ne volesse divorare il tessuto, l’essenza. Cosa spinge il lettore a “leggere fino a farsi del male! F⋯
Egon Schiele ⋯ In che modo la coscienza placa la propria angoscia?
54% FilosofiaGilles DeleuzeSchiele Art
Attraverso l’operazione di una tripla illusione. Poiché non raccoglie che degli effetti, la coscienza va colmando la propria ignoranza rovesciando l’ordine delle cose, prendendo gli effetti per cause (illusione delle cause finali). La coscienza fa, dell’e⋯
Egon Schiele ⋯ Quando si presta molta attenzione
35% David WhyteSchiele Art
Alla fine ci rendiamo conto che non sapere cosa fare è altrettanto utile che sapere cosa fare. Non sapere ci impedisce di prendere direzioni sbagliate. Non sapendo cosa fare, iniziamo a prestare molta attenzione. Proprio come le persone perse nel deserto,⋯
Egon Schiele ⋯ Portrait of Arthur RoesslerL’ordine nasce dalla comprensione del disordine
35% Jeanne de SalzmannSchiele Art
Se desidero conoscere me stesso, è necessario prima di tutto che la mia mente sia capace di osservare senza distorsioni. Devo convincermi delle deviazioni che mi impediscono di osservare me stesso: questo tipo di osservazione è l’inizio della conoscenza d⋯
Egon Schiele ⋯ Dead City III (City on the Blue River)Parla Ipolit, un malato terminale di tisi
34% Fëdor DostoevskijSchiele Art
Evidentemente la mia convinzione che per due settimane non valga la pena di soffrire o abbandonarsi ad alcuna sensazione, ha avuto la meglio sulla mia natura e forse dirige tutti i miei sentimenti. Ma è proprio vero? È forse vero che la mia natura è stata⋯