Perdita irreparabile nelle alterazioni semantiche
Il racconto non ha intenzioni essenziali, non indaga né trasmette una conoscenza o un «messaggio»… Ogni volta che mi è toccato rivedere la traduzione di uno dei miei racconti ho sentito fino a che punto l’efficacia e il senso del racconto dipendessero da quei valori che danno alla poesia e anche al jazz il loro carattere specifico: la tensione, il ritmo, la pulsazione interna, l’imprevisto dentro parametri pre-visti, quella libertà fatale che non ammette alterazione senza una perdita irreparabile. I racconti di questa specie si incorporano come cicatrici indelebili al corpo di qualunque lettore che li meriti: sono creature viventi, organismi completi, cicli chiusi, e respirano.

Crediti
 • Julio Cortázar •
 • Del racconto breve e dintorni •
 • Pinterest •   •  •

Similari
Egon Schiele ⋯ SunflowerL’essenza del testo
137% ArticoliElena CarusoLinguaggioSchiele Art
Barthes attraverso Il piacere del testo analizza le ragioni che spingono il lettore ad avvicinarsi ad un testo con un atteggiamento cannibalesco, quasi ne volesse divorare il tessuto, l’essenza. Cosa spinge il lettore a leggere fino a farsi del male! Fino⋯

Mark KostabiIl buon lettore
58% LinguaggioVladimir Nabokov
È lui – il buon lettore, l’eccellente lettore – che ha salvato più e più volte l’artista dalla distruzione per mano degli imperatori, dei dittatori, dei preti, dei puritani, dei filistei, dei politici, dei poliziotti, dei direttori delle poste e dei pedan⋯

Essere in possesso di una lettera
25% LinguaggioPietro Bianchi
Il celebre Seminario su La lettera rubata venne posto all’inizio della raccolta, quasi a mo’ di manifesto. Questo seminario rappresenta infatti una sintesi efficace della teoria dell’inconscio come effetto della presa della catena significante sul soggett⋯

 ⋯ Telefonino e la verità
24% LinguaggioUmberto Eco
Quando Zivago rivede dal tram Lara, non riesce a scendere in tempo e muore. Ma se avessero avuto un cellulare forse ci sarebbe stato un lieto fine. La scorsa Bustina ho accennato al libro di Maurizio Ferraris (Dove sei? Ontologia del telefonino, Bompiani)⋯

Loui Jover ⋯ Considerazioni su scrittura e libertà
20% ArticoliGianmarco PinciroliLinguaggio
Kafka e Beckett tra narratività e nichilismo Questo lavoro non è e non intende essere un contributo critico in senso stretto rispetto all’opera letteraria e drammatica di Beckett; intende, invece, provare a render conto di un’ipotesi interpretativa, circa ⋯

 ⋯ Ingestione esaustiva del materiale
16% LinguaggioRoland Barthes
Un romanzo di Robbe-Grillet non si legge nel modo globale e insieme discontinuo con cui si divora un romanzo tradizionale, in cui l’intellezione salta da paragrafo a paragrafo, da crisi a crisi, e l’occhio solo a intermittenze assorbe veramente la tipogra⋯