Egon Schiele ⋯ Uomo e donna

Gli amanti non cercarono mai di vedersi da soli. Non si diedero nessun appuntamento, non si scambiarono neanche un bacio furtivo. Per il momento, il delitto aveva placato la spinta impetuosa della carne: uccidendo Camillo, erano riusciti a soddisfare la foga insaziabile del desiderio che non avevano potuto appagare gettandosi l’uno nelle braccia dell’altro. L’omicidio era divenuto, ai loro occhi, simile a un indicibile perenne stato d’orgasmo che annullava la possibilità di un amplesso, tramutato al confronto in ben misera cosa.

Crediti
 • Émile Zola •
 • SchieleArt •  Uomo e donna • 1914 •

Similari
La scrittura delle donne
260% ArticoliCixous HélèneSocietà
Héléne Cixous rilegge il saggio di Freud sulla Testa di Medusa per rivendicare il potere dell’écriture feminine, della scrittura femminile. Da terrificante e mostruosa, Medusa si trasforma in una figura sorridente e sovversiva in grado di destabilizzare l⋯
Il caso Nietzsche
234% ArticoliFilosofiaGianni Vattimo
Nietzsche, accompagnato dalla sua cattiva reputazione di pensatore dei nazisti, fu poi riconsiderato, agli inizi degli anni ’60 del ventesimo secolo, da quel movimento che prese il nome: Nietzsche-Renaissance o il rinascimento nietzscheano, e soprattutto ⋯
Dall’autorganizzazione alla comunizzazione
196% ArticoliPolitica
Designare la rivoluzione come comunizzazione è dire questa cosa abbastanza banale, che l’abolizione del capitale è l’abolizione di tutte le classi, compreso il proletariato, e non la sua liberazione, il suo ergersi a classe dominante che organizza la soci⋯
Menzogna romantica e verità romanzesca
163% Alfio SquillaciArticoli
Cosa sappiamo del desiderio umano? L’opinione dominante, tanto nelle scienze umane che nel senso comune, è che l’uomo fissi in modo completamente autonomo il suo desiderio su un oggetto. Quest’approccio spiegherebbe la nascita del desiderio col fatto che ⋯
Il mercantile
154% IneditiSergio Parilli
Magari è troppo presto, ma i sognatori, hanno sempre lo sguardo perso, sicuramente piacevole nei loro pensieri e sorridono… ma, anche se sono solo due righe con due soli sostantivi, l’emozione è sempre la stessa per il poeta. Siamo nel periodo di un’attra⋯