Personificazione consueta della verità
Lo specchio è un testimone meraviglioso che muta incessantemente. Depone con calma, con forza, ma quando ha finito di parlare, ci accorgiamo che ha ritrattato tutto quel che ha detto. È la personificazione consueta della verità. Sul sentiero obliquio tenacemente annodato alle gambe di chi riparte oggi come ripartirà domani, sui giacimenti leggeri della disinvoltura, mille passi sposano ogni giorno il passo della vigilia. Siamo già venuti, torneremo senza farci pregare. Ognuno è passato di qua nel viaggio dalla sua gioia alla sua pena. È un piccolo rifugio, con un immenso fanale a gas. Si mette un piede davanti all’altro e si è già partiti. I muri si coprono di quadri, le feste si setacciano di mazzi di fiori, lo specchio si appanna di vapore. Altrettanti fari su un ruscello e il ruscello è nel vaso del fiume. Due occhi simili, ad uso soltanto del tuo volto – due occhi coperti dalle stesse formiche. Il verde è quasi uniformemente sparso sulle piante, il vento segue gli uccelli, non si rischia di veder morire le pietre. Ciò che si fa conoscere non è un animale domato, ma un animale domatore. Bah! Tutto sommato, si tratta dell’ordine imprescrittibile di una cerimonia già tanto fastosa! È la pistola a ripetizione che fa comparire i fiori nei vasi, il fumo nella bocca. Alla lunga, l’amore fa volentieri a meno di vederci chiaro di notte. Quando tu non ci sei più, c’è il tuo profumo che mi cerca. Non riesco a ottenere altro oracolo che quello della tua debolezza. La mia mano nella tua assomigliava così poco alla tua mano nella mia. La sfortuna, figurati, perfino la sfortuna ci guadagna a esser conosciuta. M’eri toccata in sorte, non puoi non esserci, sei tu la prova che io ci sono. E tutto si conforma a questa vita che mi sono costruito per accertarmi di te. ‹‹ A che pensi? ››. ‹‹ A niente ››.

Crediti
 • Autori Vari •
  • André Breton - Paul Éluard •
 • Pinterest • Giorgio De Cesario  •  •

Similari
 ⋯ Il caso Nietzsche
498% ArticoliFilosofiaGianni Vattimo
Nietzsche, accompagnato dalla sua cattiva reputazione di pensatore dei nazisti, fu poi riconsiderato, agli inizi degli anni ’60 del ventesimo secolo, da quel movimento che prese il nome: Nietzsche-Renaissance o il rinascimento nietzscheano, e soprattutto ⋯

 ⋯ Sapere di non essere
421% IneditiSergio Parilli
Ho rivisto finalmente a Julián. Veniva da altri mondi non sconosciuti per lui, visto che è riuscito a tornare senza bussola. Non era tenuto a tornare, anche perché se stava bene dove era arrivato poteva restarci in eterno, visto che era previsto un viaggi⋯

 ⋯ Il mercantile
291% IneditiSergio Parilli
Magari è troppo presto, ma i sognatori, hanno sempre lo sguardo perso, sicuramente piacevole nei loro pensieri e sorridono… ma, anche se sono solo due righe con due soli sostantivi, l’emozione è sempre la stessa per il poeta. Siamo nel periodo di un’attra⋯

 ⋯ Dall’autorganizzazione alla comunizzazione
268% ArticoliAutori VariPolitica
Designare la rivoluzione come comunizzazione è dire questa cosa abbastanza banale, che l’abolizione del capitale è l’abolizione di tutte le classi, compreso il proletariato, e non la sua liberazione, il suo ergersi a classe dominante che organizza la soci⋯

 ⋯ La scrittura delle donne
261% ArticoliCixous HélèneSocietà
Héléne Cixous rilegge il saggio di Freud sulla Testa di Medusa per rivendicare il potere dell’écriture feminine, della scrittura femminile. Da terrificante e mostruosa, Medusa si trasforma in una figura sorridente e sovversiva in grado di destabilizzare l⋯

Egon Schiele ⋯ Disputa con l’anima
238% Jonathan Safran FoerSchiele Art
Non so. Cosa c’è da non sapere? Non so come ho fatto ad arrivare fin qui – ad avere imparato così tanto, a essermi convinto nel profondo della necessità di cambiare – eppure a dubitare ancora che cambierò. Secondo te c’è speranza? Che cambierai? Che l’uma⋯