dirne
Torneremo per strada a fissare i passanti e saremo passanti anche noi. Studieremo come alzarci al mattino deponendo il disgusto della notte e uscir fuori col passo di un tempo. Piegheremo la testa al lavoro di un tempo. Torneremo laggiù, contro il vetro, a fumare intontiti. Ma gli occhi saranno gli stessi e anche i gesti e anche il viso. Quel vano segreto che c’indugia nel corpo e ci sperde lo sguardo morirà lentamente nel ritmo del sangue dove tutto scompare. Usciremo un mattino, non avremo più casa, usciremo per via; il disgusto notturno ci avrà abbandonati; tremeremo a star soli. Ma vorremo star soli. Fisseremo i passanti col morto sorriso di chi è stato battuto, ma non odia e non grida perché sa che da tempo remoto la sorte – tutto quanto è già stato o sarà – è dentro il sangue, nel sussurro del sangue. Piegheremo la fronte soli, in mezzo alla strada, in ascolto di un’eco dentro il sangue. E quest’eco non vibrerà più. Leveremo lo sguardo, fissando la strada.

Crediti
 • Cesare Pavese •
 • Poesie del disamore •
 • SchieleArt •  dirne • 1912 •

Similari
 ⋯ L’inconsolabile
57% Cesare PaveseFrammentiTeatro
ORFEO: È andata così. Salivamo il sentiero tra il bosco delle ombre. Erano già lontani Cocito, lo Stige, la barca, i lamenti. S’intravvedeva sulle foglie il barlume del cielo. Mi sentivo alle spalle il frusciò del suo passo. Ma io ero ancora laggiù e avev⋯

Egon Schiele ⋯ Le tue decisioni tragiche
45% Julio CortázarSchiele Art
E sì, pare che sia così, pare che te ne sia andata dicendo non so cosa, che andavi a gettarti nella Senna, qualcosa di simile, una di quelle frasi da notte fonda, mescolate a lenzuola e a bocca impastata, quasi sempre nel buio o con qualcosa come mano o p⋯

Egon Schiele ⋯ Ceffo da film di gangster
39% José SaramagoSchiele Art
Appoggiato a due cuscini, un po’ intontito perché appena sveglio, Caetano Cunha aspettava il pranzo. La luce della lampada sul comodino, colpendolo di traverso, gli lasciava in penombra metà del viso e ravvivava il cremisi della guancia illuminata. Con un⋯

Egon Schiele ⋯ Un mondo a misura d’uomo
35% Milan KunderaSchiele Art
Immaginiamo di vivere per qualche istante all’interno di un mondo che va a rallentatore. Nella normalissima passeggiata quotidiana, che ci porta da casa alle attività di ogni giorno, calati in una tediosa, soporifera routine di movimenti, orari e scorci, ⋯

Egon Schiele ⋯ Zwei MädchenI ragazzi che si amano
35% Jacques PrévertSchiele Art
I ragazzi che si amano si baciano in piedi, contro le porte della notte, e i passanti che passano li segnano a dito, ma i ragazzi che si amano, non ci sono per nessuno, ed è la loro ombra soltanto, che trema nella notte, stimolando la rabbia dei passanti,⋯

Egon Schiele ⋯ Hauser im WinterSorriso che ispira diffidenza
33% Roberto BolañoSchiele Art
Il sole però ha una sua utilità, a questo ci arriva chiunque abbia un po’ di cervello, disse Seaman. Da vicino è l’inferno, ma da lontano è bello e utile, solo un vampiro lo negherebbe. Poi cominciò a parlare delle cose che una volta erano utili, sulle qu⋯