Pioggia di primavera
Trombone jazz,
Tende che si muovono,
Pioggia di primavera.

Crediti
 • Jack Kerouac •
 • Il libro degli haiku •
  • 2003 •
 • SchieleArt •   •  •

Similari
 ⋯ Salirai le scale senza di me
169% Nazim HikmetPoesie
Sotto la pioggia camminava la primavera con i suoi piedi esili e lunghi sull’asfalto di Mosca. Chiuso tra gli pneumatici i motori le stoffe le pelli il mio cardiogramma era pessimo quel giorno quel che si attende verrà in un’ora inattesa verrà tutto da so⋯

⋯Non so perché
156% PoesieSohrab Sepehri
Non so perché la gente dice che i cavalli sono gentili E i colombi sono belli E nessuno invece alleva avvoltoi. Non so perché un bocciolo di trifoglio È considerato più umile di un tulipano rosso. Dobbiamo lavare i nostri occhi Dobbiamo vedere diversament⋯

Selbstportrait of  Egon SchieleLa primavera era primavera anche in città
116% Lev Nikolàevič TolstòjSchiele Art
Per quanto gli uomini, riuniti a centinaia di migliaia in un piccolo spazio, cercassero di deturpare la terra su cui si accalcavano, per quanto la soffocassero di pietre, perché nulla vi crescesse, per quanto estirpassero qualsiasi filo d’erba che riusciv⋯

 ⋯La chioma di Elena
85% Derek WalcottPoesie
Alla fine di questa frase, comincerà la pioggia. All’orlo della pioggia, una vela. Lenta la vela perderà di vista le isole; in una foschia se ne andrà la fede nei porti di un’intera razza. La guerra dei dieci anni è finita. La chioma di Elena, una nuvola ⋯

Egon Schiele ⋯ La francese
67% PoesieRoberto BolañoSchiele Art
Una donna intelligente. Una donna bella. Conosceva tutte le varianti, tutte le possibilità. Lettrice degli aforismi di Duchamp e dei racconti di Defoe. In genere con un autocontrollo invidiabile, Tranne quando era depressa e si ubriacava, Cosa che poteva ⋯

Egon Schiele ⋯ Un mondo a misura d’uomo
55% Milan KunderaSchiele Art
Immaginiamo di vivere per qualche istante all’interno di un mondo che va a rallentatore. Nella normalissima passeggiata quotidiana, che ci porta da casa alle attività di ogni giorno, calati in una tediosa, soporifera routine di movimenti, orari e scorci, ⋯